17 Febbraio: buona festa del gatto

Amanti in tutto il mondo, oggi i gatti festeggiano la loro festa. La scelta del 17 deriva da una serie di motivazioni molto curiose. Venite a scoprirle

Siete amanti dei felini? In casa avete uno o più gatti che quotidianamente vi regalano risate e tanto affetto? Sappiate che oggi è ufficialmente la festa del gatto, giornata che in Italia si festeggia ormai da 27 anni. Vi state chiedendo da cosa derivi questo giorno di festa?

Claudia Angeletti, una giornalista innamorata dei gatti, nel 90 lanciò un referendum su una rivista specializzata in felini, chiamata “Tuttogatto”, chiedendo ai lettori quale fosse il giorno più adatto per festeggiare tale ricorrenza. Vinse la proposta di una lettrice, Oriella del Col, che scelse tale giorno basandosi su svariati punti:

febbraio è il mese del segno dell’Acquario: le persone di tale segno si dice siano spiriti liberi esattamente come i felini.

-tempo fa febbraio era il mese dedicato ai gatti e alle streghe.

il 17 è considerato da sempre un numero “sfortunato” da chi crede alle superstizioni. In passato anche il gatto era considerato un animale portatore di sventure. Tale numero porta sfortuna perché nei numeri romani il 17 si trascrive nella forma XVII, anagramma di VIXI (ho vissuto). Poiché i gatti hanno sette vite, per loro non è un problema perché il 17 rappresenta “una vita per sette volte”.

I gatti, nel corso della storia, hanno avuto una reputazione che ha seguito uno strano andamento: se è vero, infatti, che in certi periodi vennero considerati portatori di sventure, non sono mancati i momenti in cui vennero idolatrati come vere e proprie divinità. Oggi godono di buona fama anche grazie alle tante star che hanno pubblicamente dichiarato di essere “gattofili”.

Insomma, amanti dei gatti, oggi è la festa del vostro amico a quattro zampe: avete già deciso come fargli passare questa giornata così speciale?

[fonti articolo: rainews.it, it.wikipedia.org, ilgiorno.it, vanityfair.it]

[foto: lifegate.it]