Allarme influenza in Italia: anziani e bambini a rischio

Sono due milioni gli italiani colpiti dal virus dell'influenza ma il numero rischia di aumentare con l'arrivo del freddo rigido

Sono due milioni gli italiani colpiti dal virus dell’influenza, un dato dvvero preoccupante rilasciato dall’Istituto Superiore della Sanità. E solo negli ultimi giorni sono settecentomila le persone contagiate, ma il numero rischia di aumentare con l’arrivo del freddo rigido che ha colpito la nostra penisola.

Nella settimana post natalizia, cioè dal 26 dicembre 2016 al 6 gennaio 2017, sono stati registrati mille casi di persone affette da sindrome influenzale, con un livello d’incidenza maggiore rispetto all’ultimo scorcio di 2015. Almeno quattro i decessi accertati, e che hanno colpito la fascia degli over 65, una categoria a rischio rispetto alle altre, cosi come i bambini sotto i cinque anni.

Questo tipo di epidemia influenzale colpisce soprattutto i più vecchi, meno resistenti al virus H3N2 che, non solo riesce a sopraffare le difese immunitarie, ma ha maggiori capacità di diffusione locale. Inoltre, negli ultimi giorni gli ospedali hanno avuto un numero altissimo di ricoveri, con centinaia di persone bisognose di cure immediate.

Le regioni più colpite dall’influenza sono quelle Settentrionali, con picchi altissimi già riscontrati in Val D’Aosta e Piemonte, ma anche nel Lazio, Abruzzo e Campania i contagi sono in costante aumento. Secondo gli esperti, tra il mese di gennaio e febbraio, ci sarà un ulteriore aumento, con un incremento di settecentomila persone che potranno incappare nel virus influenzale.

Naturalmente i medici invitano alla prudenza e a prevenire il contagio. Ad esempio attraverso l’igiene perché le mani di norma rappresentano un veicolo di trasmissione del virus. Per questo motivo bisogna mantenerle sempre pulite e lavarle almeno tre volte ogni giorno, soprattutto prima dei pasti, con acqua e sapone, oppure con detergenti liquidi.

Per quanto riguarda l’alimentazione essa ha un ruolo molto importante nella prevenzione: le nostre difese immunitarie, infatti, hanno bisogno di vitamine e proteine. In questo caso bisogna applicare alla nostra dieta il giusto apporto calorico di frutta e verdura, alimenti che contengono vitamine come la B e la C, essenziali nel processo di rafforzamento del sistema immunitario.

Anche carne e pesce rappresentano una fonte di proteine importante per la nostra salute e, se assorbite nei modi giusti, possono aiutarci nel processo di guarigione. Oltre all’alimentazione, e a una corretta igiene personale, bisogna coprirsi bene dal freddo e consultare il medico quando si avvertono i primi sintomi influenzali, senza sottovalutare il problema affidandosi a cure “fai da te” che possono influire in modo negativo sulla nostra salute.

[Foto: La Stampa]