Arrow: Wendy Mericle parla del padre di Felicity Smoak

La produttrice esecutiva di Arrow promette un rapporto padre/figlia tra Felicity e Noah molto diverso da ciò che abbiamo visto con Thea e Malcolm

Intervistata in esclusiva da TV Line, Wendy Mericle ha parlato del padre di Felicity, Noah Kuttler, e di come la giovane reagirà al ritorno dell’uomo nella sua vita, nonché della reazione della madre Donna e dei motivi per cui l’uomo ha deciso di riallacciare un rapporto con la figlia dopo tanti anni di assenza. Resta solo da chiedersi quale potrà mai essere la reazione di Oliver all’arrivo di questo nuovo ed inaspettato personaggio che, volente o nolente, sarà sempre una figura centrale nella vita e nel cuore della donna che ama.

Prima di parlare di chi sia il padre di Felicity, vorrei parlare di chi non sia. Perché avete deciso di accantonare la teoria che  Damien Darhk fosse il padre di Felicity all’inizio della stagione? E perché avete bocciato questa possibilità?
In realtà ne abbiamo parlato e in tutta onestà sapevamo che Andy Diggle avrebbe collaborato con la H.I.V.E. e di Damien, quindi abbiamo pensato che se ogni membro delle famiglie del nostro team fosse stato coinvolto con la H.I.V.E. sarebbe stata una “strana coincidenza”. la scelta è stata basata puramente su questo. Avrebbe ristretto troppo le prospettive e abbiamo pensato fosse meglio trovare un modo organico per inserire il padre di Felicity. Inoltre se lo avessimo collegato a Damien o alla H.I.V.E., sarebbe stato più difficile farlo tornare in una eventuale quinta stagione.

Stavo per dire che Damien probabilmente era un po’ troppo cattivo per essere il padre di Felicity.
Era troppo. E poi sarebbe stato molto simile alla storia di Thea e della sua scoperta che Malcolm sia suo padre. Ci sono alcune cose intorno alle quali abbiamo girato spesso e non volevamo fare una storia già vista.

Quindi come siete giunti a The Calculator come sua identità e al modo in cui lo avete presentato?
E’ stato un modo per dare un colpo al cerchio e uno alla botte, sapevamo di voler rivedere Roy e volevamo farlo in maniera organica. Quando lui è uscito dalla serie, abbiamo in pratica fatto credere a tutti che lui fosse Arrow e che fosse morto, quindi avevamo bisogno di qualcuno che fosse in grado di scovare quell’informazione e usarla in maniera molto intelligente. Volevamo che il padre di Felicity avesse della capacità molto simili alle sue, per spiegare geneticamente il perché lei sia così geniale e la perfetta soluzione ci è sembrata quella di far lavorare Roy per questo tizio che probabilmente ha uno scopo particolare, qualcosa che sia socialmente giusto, ma che viene fatto in maniera discutibile.

Perché avete messo in gioco ora il padre di Felicity? Al momento ha molto a cui pensare. 
[Ride] E’ stato motivato da ciò che è accaduto nel finale di metà stagione. Il fatto che lei stia passando ciò che sta passando e che debba affrontare questa disabilità e la sedia a rotelle, ha finito per esporla pubblicamente e farla tornare sotto il radar di suo padre.

Argomenti correlati: Arrow – recensione dell’episodio 4×12 Unchianed [spoiler]

Quindi lui la stava tenendo d’occhio?
Direi che per la maggior parte della sua vita non lo ha fatto, ha cominciato da un paio di mesi. E’ triste da dire, ma non è un padre affezionato! Vedrete qualcosa in più alla fine del prossimo episodio, circa le ragioni per cui lui fa quello che fa. Ma è un personaggio complesso.

Non sarà una di quelle cose tipo “non preoccuparti, piccola, ti ho tenuto d’occhio da lontano. Ero lì quando hai preso il tuo diploma…
Fa un po’ stalker! [Ride] Alla fine dell’episodio 12 spunterà in un luogo interessante.

Che reazioni avranno Felicity e Donna (Charlotte Ross)?
Beh, Donna sarà molto chiara – lei sa chi lui sia e di cosa sia capace e non vuole avere nulla a che fare con lui. Ma con Felicity volevamo davvero mostrare la reazione di una persona con poco più di 20 anni che non ha mai conosciuto suo padre e quale genere di emozioni provi nel farlo. Penso che sia in combattuta. Penso che sia molto combattuta. Vuole credere che suo padre la ami e spera che lui sia davvero interessato a conoscerla e ad avere un rapporto con lei e si sente combattuta – anche se sa che saprà molto presto, all’inizio del prossimo episodio, chi lui davvero sia.

E, come hai detto, volevate che questo rapporto fosse diverso da quello Thea/Malcolm.
Molto. C’erano molti rischi e avevamo percorso già molte strade e a volte ci siamo detti “Oh aspetta, questo l’abbiamo già fatto con Malcolm e Thea.”

Per non parlare di quello che stanno vivendo Wally e Joe in The Flash.
Anche quello!

Per quanto tempo vedremo Amendes?
Lui ci piace molto. E’ uno di quei rari attori che riesce ad essere sia minaccioso che gentile e paterno, quindi ci piacerebbe che restasse il più possibile. Dipende solo da quanti pesci abbiamo in pentola in questa stagione. Ma il nostro scopo sarebbe quello di farlo essere una presenza costante nella vita di Felicity man mano che crescerà.