0 Shares 1 Views
00:00:00
25 Nov

Intervista a Stephen Amell, che parla del suo personaggio in Arrow

Teresa Soldani
29 febbraio 2016
1 Views

TVinsider ha pubblicato un’interessante intervista al protagonista di Arrow, Stephen Amell, che ha avuto modo di parlare sia del suo impegno nella serie che di Teenage Mutant Ninja Turtles 2, film che uscirà a breve anche in Italia, oltre al suo incontro/scontro con Stardust, stella del wrestling, grazie al quale si è aggiudicato di recente uno Slammy Award, premio dedicato ai wrestler, e consegnato dallo stesso Sturdust all’attore in maniera decisamente non convenzionale (vedi video).

Sei stato decisamente impegnato ultimamente: hai girato Teenage Mutant Ninja Turtles 2 la scorsa estate, poi sono ripartite le riprese della quarta stagione di Arrow, dopo c’è stata la cosa con il wrestling, gli episodi crossover… mi aspetto di sentirti dire che a breve dirigerai un episodio.
Sai, mi hanno chiesto se volevo dirigere un episodio, in maniera un po’ informale [il produttore esecutivo] Greg Berlanti mi ha chiesto se volevo farlo quest’anno o il prossimo ed è una conversazione che abbiamo avuto qualche tempo fa, ma ho risposto di no.

Davvero?
Sarebbe troppo. ho chiesto ad alcune persone che l’avevano già fatto. L’esempio più vicino a me era quello di Tom Welling che ha diretto alcuni episodi di Smallville e io volevo capire meglio come fosse stato per lui farlo e on è tanto la difficoltà logistica del dover dirigere mentre si recita, ma quella di essere coinvolti nella preparazione prima delle riprese e in tutti i processi post episodio.

Mentre stai recitando.
Sì e non sono dell’idea di voler cedere queste cose ad altre persone. Se dirigerò un episodio, lo voglio fare come si deve. Sembra che Tom abbia fatto un lavoro incredibile e so che anche Jensen [Ackles] e Mischa [Collins] per Supernatural sono stati altrettanto bravi, a io sono più della scuola di Jared Padalecki “sai che ti dico, ho già parecchio lavoro da fare e mi concentrerò su quello”. E poi in Arrow abbiamo una serie di registi emergenti veramente capaci con i quali preferirei avere più opportunità possibili di lavorare.

Argomenti correlati: ARROW – JAMES BAMFORD PARLA DEL SUO DEBUTTO COME REGISTA.

Come il coordinatore degli stunt James Bamford, che ha fatto un lavoro fantastico la scorsa settimana?
Sì, come Bamford. E poi c’è stata Lexi Alexander che ha cominciato con noi quest’anno. E abbiamo avuto Greg Smith  [Everwood] che ha diretto l’episodio di questa settimana [4×15 Taken] oltre al 3×15 Nanda Parbat e ne dirigerà un altro, più avanti, questa stagione, il che mi rende decisamente contento, lo sono sempre quando c’è Greg sul set perché è sempre sincero e gli piace davvero molto dirigere… è molto bravo a delegare, lezione che ritengo molto importante da imparare per diverse ragioni. Sì, queste persone faranno un lavoro decisamente migliore di quello che potrei fare io, quindi lo lascerò fare a loro.

Hai fatto un lavoro eccellente per alcune scene drammatiche in questa stagione. Dover mantenere il segreto con Felicity, la scena del “sei incredibile” con Curtis (Echo Kellum). E’ stato belle poter vedere un Oliver più equilibrato e distante dall’eroe torturato, ma con un notevole livello emotivo.
Grazie, lo apprezzo molto. E’ molto interessante interpretare un personaggio per così tanto tempo – so che la 4 stagione di uno show non è un territorio inesplorato – ma detto questo, tutto dipende da quanto tempo trascorri sul set e quante scene devi girare… in pratica non hai modo che di migliorare. Quindi se questa è una cosa che si vede, non posso che esserne contento.

E sembra che l’episodio di questa settimana [Taken] sia una combinazione di tutte queste cose perché ci sarà Vixen (Megalyn E.K.) che verrà in aiuto contro Damien Darhk dovrai anche affrontare il segreto su tuoi figlio.
Io credo, personalmente ed egoisticamente, che questo sia il mio episodio preferito. non necessariamente il mio preferito della stagione, ma quello in cui ho lavorato più volentieri. Ho sempre saputo che questa storia con William [Jack Moore] e Samantha [Anna Hopkins] e, in senso più ampio del segreto tenuto nascosto a Felicity, ha causato molto ansia tra i fan. Le persone credono che il fatto che Oliver abbia tenuto questo segreto sia un regresso per Oliver. Mettendo un momento da parte questa interpretazione, è la mia trama preferita perché è qualcosa di nuovo ed eccitante ed è questo il genere di cose che cerchi quando stai girando l’ottantesimo episodio o giù di lì in uno show. Vuoi cose nuove ed eccitanti e Oliver Queen nel ruolo di padre lo è. E poi devo fare i miei complimenti a Anna Hopkins, perché l’abbiamo vista così poco nel ruolo di Samantha, ma ciò nonostante è fondamentale nell’episodio di questa settimana. Ed è molto difficile per una guest star arrivare ed eccellere.

A proposito di cose nuove, abbiamo visto Oliver salvare la città, lo abbiamo visto salvare il team, ma ora deve salvare suo figlio. C’è molto in gioco.
Assolutamente. E per lui è pericoloso, perché anche con Thea [Willa Holland] o con Felicity o con sua madre o con Laurel ha imparato, grazie al suo periodo sull’isola e ad Hong Kong, a circoscrivere le sue emozioni e concentrarsi sull’obiettivo. Ma non ha mai dovuto farlo quando ad essere in pericolo era il sangue del suo sangue. Quindi è pericoloso per lui, perché cammina pericolosamente sul ciglio di un baratro.

Come padre sei riuscito a dare maggiore forza a questa sensazione che faresti qualsiasi cosa per tuo figlio?
Essere padre e poter attingere a queste emozioni credo che dia, lo spero, maggiore autenticità alla storia e spero anche dei bei momenti drammatici. Non devo immaginare il legame tra un padre ed il figlio, perché sto cominciando a capirlo nella vita reale.

Hai parlato del segreto che Oliver ha tenuto con Felicity e della reazione online. Il segreto verrà rivelato questa settimana, come pensi che i fan si sentiranno alla fine dell’episodio?
Credo che ci sarà una risposta al perché di questo segreto. Oliver e Felicity, senza voler abusare del termine, devono circoscrivere i loro sentimenti per affrontare il compito che gli si pone davanti. Una volta che la situazione sarà risolta, nel bene o nel male – senza scherzi – allora loro potranno affrontare le conseguenze di ciò che ha fatto Oliver. Sia che il risultato finale sia triste o felice, comunque ci saranno delle conseguenze.

Ti aspettavi che lo show andasse tanto avanti? Da te da solo con un costume di pelle a Thea su una motocicletta che salta giù da un camion e Katie Cassidy come Black Canary?
E’ bello, sono molto fiero dello show questa stagione. Marc [Guggenheim] ed io abbiamo un bellissimo rapporto e parliamo molto di alcune delle sfide che dobbiamo affrontare, ma ci diciamo anche sempre che non dovremmo affrontare queste sfide se non fossimo all’episodio 87.  Questa è una realtà in televisione e soprattutto in uno show che ha 23 episodi a stagione: bisogna affrontare costanti sfide, ma credo che abbiamo fatto un lavoro incredibile nel far maturare i personaggi facendogli fare ogni volta cose nuove. E la cose più importante, qualcosa a cui tengo molto e che vedremo bene nel prosieguo della stagione, è che non dimentichiamo le nostre radici. Non dimentichiamo, quando decidiamo di provare qualcosa di nuovo, cosa alle persone piaccia di questo show.

E una di questa cose sono ovviamente Oliver e Felicity. Hanno cominciato a scrivere le promesse di matrimonio di Oliver?
Sì, e credo che molto presto avrete modo di sentirle.

Oh fantastico!
Ecco qui, ti ho dato il tuo scoop. Giusto in tempo!

Vi consigliamo anche