La figlia deride una ragazza con il cancro: la madre le rasa i capelli per punizione

Mamma punisce la figlia bulla con un gesto esemplare che però divide il web.

Il bullismo tra adolescenti è un fenomeno purtroppo in continuo aumento e non si contano i casi di ragazzini, vittime di veri e propri abusi psicologici, da parte dei loro coetanei. E’ quanto accaduto a una ragazza malata di cancro che, a causa della chemio, è stata offesa da una sua compagna di classe. La mamma della bulla in questione, però, dopo aver appreso quanto compiuto dalla figlia, ha deciso di punirla e di farlo in un modo inedito, rasandole i capelli a zero e pubblicando il video di questa sorta di “esecuzione” su Facebook.

Nelle immagini si può vedere la bulla dimenarsi e piangere per tutta la durata del filmato. Trentotto secondi che molti hanno vissuto come una sorta di vendetta mediatica a favore della ragazzina malata di cancro, ma il gesto che questa madre ha compiuto ha diviso il web accendendo un animato dibattito. Secondo alcuni genitori, quest’intervento è stato risolutivo e giusto, mentre per altri, pur riconoscendo la colpevolezza della ragazza in questione e le buone intenzioni della madre, è stata una pena troppo severa.

I contestatori di questo video non mettono in discussione le motivazioni etiche e morali che hanno spinto questa madre a operare in tal senso, ma criticano la gogna mediatica che la bulla ha subito. Perché adesso, secondo la loro ricostruzione, le vittime sarebbero due e non solo la giovane malata di cancro. Anzi, l’umiliazione pubblica che è stata inferta alla giovane bulla non sarebbe di tipo educativo e potrebbe avere delle ripercussioni sulla sua psiche.

Una tesi che, però, i difensori della mamma non accettano: in pratica queste persone sostengono che la bulla adesso avrà provato sulla propria pelle cosa significhi essere derisi di fronte a tutti. E il gesto di tagliarle i capelli ha assunto un valore simbolico perché finalmente lei capirà cosa significhi per una donna subire gli effetti di una chemio.

Una cosa bisogna dirla: il bullismo è una manifestazione di stupidità che, con l’avvento dei social, è notevolmente peggiorata. Bisogna ricordare il caso di Tiziana Cantone, una ragazza che non solo ha visto diffusi sul web i suoi video intimi e privati, ma ha subito le continue prese in giro da parte dei soliti “leoni da tastiera” che hanno determinato il suo suicidio. Dobbiamo quindi fare attenzione a che cosa si dice e a che cosa si diffonde su Internet, ma soprattutto a come ci si comporta nella vita di tutti i giorni. E diciamocelo: il video di questa madre potrà essere un monito affinché ci sia più rispetto nei confronti di chi è malato? Non ne siamo sicuri ma, con la lezione che ha ricevuto, la bulla in questione difficilmente riproverà a deridere una sua coetanea.

[Foto: direttanews.it]