Top

Titanic, nave gemella pronta a salpare nel 2018

Il varo della copia del celebre transatlantico era previsto per il 2016. Cresce l'attesa per la nave di lusso, ma stavolta si cambia rotta

Non solo nostalgico ma a dir poco audace il progetto che nel 2018 vorrebbe ricostruire il Titanic. Il celebre transatlantico che nel 1911 fu costruito nell’antico porto di Belfast dalle maestranze di Messrs. Harland and Wolff era l’allora gioiello degli Oceani, ma affondò meno di un anno dopo nel viaggio inaugurale (gli irlandesi da sempre dicono per colpa degli inglesi al comando) urtando un iceberg nella notte fra l’11 ed il 12 aprile 1912 al largo dell’isola di Newfoundland, in acque canadesi. Morirono oltre 1500 passeggeri.

Oggi la compagnia di navigazione Blue Star Line sta per realizzare una seconda nave, gemella di quella costruita dalla White Star Line, dapprima con un progetto che doveva vedere luce nel 2016, poi come da conferme avute in questi giorni, rimandato al 2018 per un’impresa che è a dir poco faraonica ma che avrebbe il nobile scopo di onorare le vittime di quella vicenda d’inizio Novecento.

Gli arredi a bordo sarebbero pressoché identici all’originale, in stile georgiano (Settecento inglese), stesso lusso e stesse divisioni in classi, come una volta. Altri dettagli farebbero letteralmente la differenza, come quella di saldare gli scafi (non rivettarli a mano, come la versione del 1911), la presenza di un bagno turco e di una piscina e del cambio sulla rotta: non sarebbe la stessa – non si sa se per scaramanzia o per nuovi interessi turistici – ma prediligerà l’Oriente. Se Titanic salpò il giorno prima della tragedia da Southampton diretto a New York, Titanic II partirà da Jiansu (Cina) e approderà a Dubai (Emirati Arabi Uniti) attraversando dunque l’Oceano Indiano, dove insomma iceberg – notoriamente – pare non ce ne siano.

titanic nave gemella

E mentre a Beflast sorge il museo che ospita cimeli e ricostruzioni della versione più sfortunata (con tanto di copia della famosa scala del salone centrale), sulla Titanic II tutto è ricreato come era sulla nave riportata all’attenzione anche nel 1997 sul grande schermo dal pluripremiato film di James Cameron.

Nel biglietto di viaggio della nave gemella (si vocifera del valore massimo intorno al milione di euro) pare sia incluso anche un set di costumi dell’epoca, per riportare i passeggeri ai primi del secolo scorso e farli fantasticare un po’… immaginando però un lieto fine.

[foto: News.bbcimg.co.uk / Focus – Blue Star Line]