A Nashville: città della musica country

Nashville, capitale del Tennessee,situata sulle rive del fiume Cumberland, è la città della musica per eccellenza.

Qui, infatti, negli anni cinquanta il blues dei neri e la musica country dei bianchi si sono incontrati dando vita a quella bomba esplosiva chiamata Rock’n’Roll. Non a caso è la sede dello Studio B della Rca, quello di Elvis, per intenderci, oltre che della Country Music Hall of Fame e di molte case discografiche.

Famosa anche per la sua trasmissione radiofonica di musica country Grand Ole Orpy.

Insomma a Nashville gli anni ’70 non tramontano mai: in giro per le strade si vedono persone con un look da cowboy o capelloni con pantaloni a zampa di elefante e camicie a fiori. Ovunque, sia nei locali che nelle piazze all’aria aperta, ci sono musicisti con la chitarra che suonano per raccimolare qualche soldo.

Tutti i locali della città sono attrezzati per i concerti e qui gli abitanti, i Nashvillians, partecipano a ogni esibizione con grande entusiasmo. 

Molti di questi posti hanno mantenuto l’arredamento originale: legno e moquette dappertutto.

A Nashville si beve whisky, anzi per l’esattezza, Jack Daniel’s, che infatti viene distillato proprio nel Tennessee. 

Per il resto la città è graziosa, con molti edifici in stile classico e gli abitanti sono cordiali e aperti anche perchè politicamente rappresentano uno degli elettorati storici del partito democratico. 

La città è diventata ancor più celebre dopo che Robert Altman l’ha scelta come set per il suo omonimo film, raccontando uno degli annuali festival della musica country, con il suo intrecciarsi di storie, destini, sogni e speranze.