0 Shares 14 Views
00:00:00
18 Dec

Affitto case vacanza, come evitare truffe

dgmag - 28 giugno 2010
28 giugno 2010
14 Views

Sempre più numerosi sono i consumatori che decidono soluzioni di risparmiare e scelgono di affittare una casa vacannza sperando così di non dover rinunciare alle meritate ferie.

Se il contratto ha durata non superiore a trenta giorni in un anno, non c’è l’obbligo della registrazione e che è sottoposto alla stessa normativa del normale contratto di locazione, ma si contraddistingue per due criteri:
     • la temporaneità dell’uso che non dovrebbe superare i tre mesi
     • il prezzo libero di affitto.

La locazione dovrebbe avvenire tramite imprenditore, senza precludere però al privato la possibilità di affittare il proprio appartamento o di prolungare la durata del contratto oltre i tre mesi.

Adiconsum, per evitare spiacevoli sorprese, consiglia:
– di informarsi bene sullo stato dell’immobile prima di prenderlo in affitto, visitandolo possibilmente di persona oppure visionandolo tramite foto o filmati. In caso di mancata rispondenza a quanto promesso, denunciare subito le difformità a mezzo raccomandata A.R. al proprietario/agenzia con la richiesta di risarcimento, e all’Ufficio Comunale e Provinciale del turismo;
– di stipulare il contratto in forma scritta (anche se non è obbligatorio) per cautelarsi e poter dimostrare il contenuto dell’accordo nel caso di eventuali controversie, inserendo nello stesso il maggior numero di informazioni possibili:
     • nome, cognome e indirizzo del proprietario o dell’agenzia intermediaria;
     • descrizione dettagliata dell’immobile con il numero dei vani;
     • indicazione degli accessori e dei servizi compresi nel canone di locazione (giardino, box, posto barca, cambio biancheria, ecc.);
     • descrizione dell’arredamento e degli altri accessori (elettrodomestici, biancheria, stoviglie, ecc.);
     • descrizione dei servizi in dotazione, quali acqua calda, acqua comunale, luce, gas, riscaldamento/climatizzazione, telefono, avendo cura di prendere nota della lettura dei contatori;
     • specificare quali servizi sono inclusi nel prezzo pattuito e quali dovranno essere pagati a parte a consumo o forfettari;
     • prima di sottoscrivere il contratto assicurarsi che l’immobile è coperto da polizza assicurativa per i rischi legati all’utilizzazione (incendio, furto, responsabilità civile, ecc.);
     • al momento della consegna delle chiavi, prima di firmare la specifica degli apparecchi/accessori presenti controllarne l’esistenza e il funzionamento e, nel caso di difformità o anomalie farle rilevare subito e annotarle nella nota per evitare discussioni e richieste di risarcimento al momento della riconsegna dell’immobile;
     • al momento di lasciare l’immobile far verificare al proprietario/agenzia immobiliare che l’immobile si trova nelle stesse condizioni in cui era stato consegnato; in assenza di contestazioni farsi rilasciare una ricevuta della regolare riconsegna e farsi restituire l’eventuale deposito cauzionale versato;
     • effettuare la lettura delle utenze per conteggiare i consumi se debbono essere pagati a parte;
     • se durante la locazione si dovesse verificare l’urgenza di lavori di manutenzione per una durata che supera un sesto dell’intero periodo di locazione, il conduttore avrà diritto ad un riduzione del canone di affitto;
     • se l’immobile divenisse inservibile causa un grave guasto (elettrico, idrico, ecc.) il conduttore ha diritto alla restituzione dell’intero canone, oltre al risarcimento per la vacanza rovinata.

Riferimenti normativi: Legge, n° 217/83, Legge n° 431/98, Art. 1571 e ss. C.C.

Loading...

Vi consigliamo anche