0 Shares 17 Views
00:00:00
12 Dec

Carnevale di Ivrea 2013, la battaglia delle arance il 10 febbraio

16 gennaio 2013
17 Views

Criticato ogni anno per via dei problemi di ordine pubblico, torna anche per il 2013 il Carnevale di Ivrea e soprattutto torna la battaglia delle arance, evento nell'evento che richiama persone da tutta Italia e non solo al pari della famosa corsa dei tori di Pamplona.

Come in tutta Italia anche ad Ivrea il Carnevale 2013 inizierà sabato 26 gennaio con la presentazione degli Abbà al Teatro Giacosa mentre la festa vera e propria prenderà il via domenica 27 alle 12.30 con la lettura del verbale di apertura, la Obada (l'alzata da tavola durante il banchetto inaugurale) e l'Alzata degli Abbà.

Sono proprio gli Abbà i protagonisti del Carnevale di Ivrea che vengono portati in giro per la città per tutta la durata della manifestazione nel corso dei cortei che si tengono ogni giorno o quasi per le strade.

Il primo corteo con la presentazione dei carri allegorici si terrà il 3 febbraio mentre il 7 si potrà assistere al Passaggio dei Poteri, momento durante il quale la cittadinanza e i presenti saranno chiamati ad indossare il berretto frigio, quello che una volta simboleggiava la voglia di non essere bersagliati con le arance.

La Battaglia delle Arance si svolgerà domenica 10 febbraio a partire dalle 14 e nel corso della lotta le 9 squadre a piedi, rappresentanti del popolo, si scontreranno con le 9 squadre a cavallo, simbolo della tirannia del Medioevo: non è necessario appartenere a chissà quale ordine o istituzione per far parte delle squadre ma tutti possono prendere parte alla Battaglia semplicemente iscrivendovi per l'una o l'altra fazione.

Per assistere alla Battaglia è necessario acquistare i biglietti visto che l'evento è a numero chiuso ed è possibile trovare tutte le informazioni sul sito ufficiale del Carnevale.

Interessante notare come per via della sua particolarità e del suo legame con il passato il Carnevale di Ivrea sia stato riconosciuto come evento italiano di rilevanza internazionale ed è anche per questo che alla manifestazione partecipano tantissime persone provenienti da ogni parte che vogliono (ri)vivere almeno in parte le faide del Medioevo.

Vi consigliamo anche