0 Shares 11 Views
00:00:00
12 Dec

Dall’1 luglio 2010 aumentano le tariffe di autostrade e raccordi

30 giugno 2010
11 Views

Le vacanze estive 2010 costeranno care agli italiani che decideranno di spostarsi in macchina: da domani infatti entreranno in vigore i rincari autostradali previsti dall’articolo 15 della manovra finanziaria approvata dal Governo.

Da un lato si assisterà ad un incremento della tassa che le concessionarie autostradali dovranno pagare all’Anas al fine di risanare i bilanci e che porterà ad aumenti delle tariffe da un minimo dell’1,5-2% fino al 5%. Ulteriori incrementi scatteranno poi al primo gennaio 2011.

Dall’altro lato, partirà una fase durante la quale l’Anas sarà autorizzata ad applicare un pedaggio di 1 euro sui veicoli leggeri e di 2 euro sui veicoli pesanti.

L’aumento è di un millesimo di euro a chilometro per le prime due classi di veicoli (moto e auto), di tre millesimi a chilometro per le tre classi più pesanti C,D ed E.

Da Roma a Napoli l’aumento è per la classe B di 20 centesimi di euro che, rispetto agli attuali 11,90 euro di pedaggio, porterà ad un aumento dell’1,7%.

Ciò che fa discutere è però l’introduzione di un nuovo pedaggio su 22 tratte gestite dall’Anas e finora gratuite per un totale complessivo di 11 autostrade e 11 raccordi stradali pari a 1.270 chilometri.

Nella mappa delle strade sottoposte a pedaggio rientrano le stazioni di: Roma nord, Roma sud e Fiano Romano sulla A1, Roma est, Lunghezza, Settecamini e Ponte di Nona sulla A 24, Roma Ovest e Maccarese Fregene sulla A12, Nocera e Cave de’ Tirreni sulla A3, San Gregorio sulla A18, Buonfornello sulla A20, Meracto san Severino sulla A30, Avellino est sulla A16, sulla A1 in Toscana Firenze Certosa e Valdichiana, Ferrara sud sulla A 13, Benevento sulla A16, Falchera, Bruere e Settimo Torinese sulla A55-Tangenziale di Torino, San Benedetto del Tronto e Pescara ovest Chieti sulla A 14, Chieti-Pescara sulla A25, Lisert sulla A4.

I criteri saranno fissati da un decreto del presidente del Consiglio dei ministri che dovrà essere emanato entro il 15 luglio ma già da domani inizierà la famosa fase transitoria che permetterà l’Anas di applicare un pedaggio di 1 euro sui veicoli leggeri e di 2 euro (Iva esclusa) sui veicoli pesanti come maggiorazione al biglietto autostradale.

Vi consigliamo anche