Difendersi dalle malattie del viaggiatore

Sono circa 12 milioni gli italiani che, durante la prossima estate, saranno costretti ad affrontare le proprie vacanze con il terrore di dissenteria, emorroidi e stipsi come effetti indesiderati di lunghi viaggi, caldo e abitudini alimentari diverse dal solito.

Per questo motivo la società scientifica che si occupa dei problemi intestinali (SIUCP), insieme al Ministero della Salute, ha varato un’attività di sensibilizzazione sulle Malattie del Viaggiatore.

Dal primo giugno nei 69 centri specializzati (ospedali, cliniche e studi medici) sarà distribuito gratuitamente un manuale informativo che illustra sintomi, cause e rimedi per i disturbi intestinali che colpiscono i viaggiatori; il manuale, che si lega alla Campagna Nazionale di Informazione sulle Malattie del Viaggiatore, si concentra anche sull’importanza della visita dal colonproctologo, specialista in grado di formulare una diagnosi precisa relativa all’origine del disturbo intestinale e di individuare la terapia più adatta.

Il volumetto contiene inoltre due test di autovalutazione, per comprendere la gravità del proprio problema e verificare l’opportunità di recarsi dallo specialista; al suo interno sono indicati i riferimenti della Società Scientifica e le informazioni sulla struttura più vicina che aderisce alla Campagna.

Gli italiani viaggiatori sofferenti di emorroidi sono 3,7 milioni; quelli affetti da stipsi sono 4 milioni mentre la dissenteria colpisce il 25% dei 18 milioni di italiani che si recano all’estero, cioé circa 4,5 milioni di persone. In questo caso le informazioni contenute nel manuale possono veramente essere il modo per evitare di rovinarsi le vacanze, seguendo poche e semplici norme igieniche.

Il Numero Verde da contattare è 800.126.731 (attivo dal lunedì al venerdì) e il sito Internet della Società Italiana Unitaria di Colonproctologia che si occupa del manuale è raggiungile da qui.