0 Shares 14 Views
00:00:00
11 Dec

Guida di Aquisgrana, la città di Carlo Magno

17 aprile 2009
14 Views

Aquisgrana è il punto di partenza per scoprire l’Euro-Regione fra Germania, Olanda e Belgio. Aquisgrana si raggiunge comodamente dall’Italia con i voli Germanwings da Milano, Roma, Bologna e Verona per Colonia/Bonn; da qui, si prosegue comodamente in treno (la stazione ferroviaria si trova direttamente in aeroporto) in 50 minuti. Oppure con un’auto a noleggio, guidando per 70 km sulle strade a scorrimento veloce.

Aquisgrana è tutta raccolta nel suo centro storico, che sorge sulle rovine dell’antico Palazzo Imperiale di Carlo Magno.

Gioiello della città è la sua cattedrale, oggi Patrimonio Unesco dell’Umanità. Quella di Aquisgrana è la cattedrale più antica dell’Europa del Nord. Insieme di stili diversi, ha il suo centro nella straordinaria Cappella Palatina, voluta da Carlo Magno, dalla famosa formaottagonale. Nella camera del tesoro è conservata una collezione unica di oggetti, gioielli e reliquie che raccontano la storia della città e della sua chiesa. E’ nella cattedrale della sua Aquisgrana che Carlo Magno volle essere sepolto, ed è qui che, per 600 anni e sul suo trono di marmo personale, furono incoronati 30 Imperatori del Sacro Romano Impero. Quasi contiguo alla cattedrale si trova l’imponente municipio gotico di Aquisgrana. Il municipio risale al XIV secolo e va visitato come elegante esempio di architettura gotica e per i magnifici affreschi di ispirazione romantica che ripercorrono la storia dell’imperatore carolingio.

Aquisgrana è, oltre che la città di Carlo Magno, città d’acqua, e a questo elemento deve il suo nome: Aachen deriva infatti dalla parola germanica “ahha” (acqua); furono i romani ad apprezzare le sorgenti termali dell’area (acque ricche di minerali con temperature tra i 38 e i 74 gradi, che agiscono positivamente sui reumatismi e sulla pelle), creando i più grandi bagni termali della Germania occidentale. La versione moderna dei bagni romani sono oggi le Carolus Thermen.

Una menzione particolare per Aquisgrana meritano il Museo Suermondt-Ludwig, che presenta preziose opere d’arte e dipinti dal medioevo ai nostri giorni, sculture e manufatti artistici, il Museo Couven, tipica casa borghese del ‘600 dove sono stati ricostruiti ambienti di fine ‘700 e ‘800 e il curioso Museo dei “Printen” dedicato ai biscotti di pan pepato e miele tipici della città.

Ad Aquisgrana si può naturalmente acquistare di tutto; da non perdere sono però i
Printen, deliziosi biscotti di panpepato dalle molteplici varianti, che si trovano in
tutte le pasticcerie della città. L’Ente del Turismo di Aquisgrana organizza, su
richiesta, tour guidati nelle pasticcerie ed anche corsi di cucina per imparare i segreti della preziosa ricetta.

Vi consigliamo anche