Guida di Vilnius, capitale della cultura 2009

Di Vilnius si è iniziato a parlare solo qualche anno fa e soprattutto grazie al progetto Erasmus che ha iniziato a portare in città tanti studenti da tutta Europa.

Va detto però che Vilnius è da sempre una città in fermento e la sua passione per l’arte è evidenziata dalla presenza, in città di una statua dedicata a Frank Zappa.

Non a caso sarà proprio Vilnius, insieme alla città austriaca Linz, la Capitale della Cultura per il 2009 chiamata a rappresentare la Cultura Europea in tutte le sue manifestazioni, dalla musica alla danza, dalle arti figurative al teatro; le manifestazioni si apriranno il 31 dicembre 2008, con una cerimonia ufficiale d’inaugurazione al quale si cercheranno di far partecipare tutti, sia gli esperti del settore che i meno esperti ma che si lasceranno appassionare dall’offerta di Vilnius.

Il cuore pulsante di Vilnius è la piazza della Cattedrale, la Katedros aikst, situata ai piedi della collina Gediminas mentre il monumento più interessante e caratterizzante è la Torre di Gedimino all’interno della quale si trova un museo.

Il Museo Nazionale di Vilnius ospita importanti gioielli che fino al 1985 furono conservati all’interno della Cattedrale mentre la vecchia città di Vilnius conserva ancora l’Università edificata nel 1579.

La Città Nuova sorge 2 km a ovest della Città Vecchia e venne quasi completamente costruita nel XIX secolo.

I piatti tipici di Vilnius sono le cepelinai, una sorta di gnocchi ripieni con carne e formaggio, ma anche salsiccia lituana, costolette al forno e le zuppe di barbabietola; tra i dolci va per la maggiore il budino di mirtilli e la zuppa dolce alle ciliegie.

I mesi migliori per andare in Lituania sono da maggio a settembre ma chiaramente questo è anche il periodo in cui gli alberghi economici e gli ostelli sono al completo.

Di solito da novembre alla fine di marzo il suolo è coperto da uno strato di neve e le ore di luce sono poche.