0 Shares 39 Views
00:00:00
11 Dec

I dieci monumenti più belli d’Italia

23 settembre 2009
39 Views

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, che si terranno i prossimi sabato 26 e domenica 27 settembre, il network di recensioni turistiche e compara prezzi hotel Trivago ha voluto rendere un tributo alle ricchezze artistiche e monumentali del nostro Paese, facendo una sintesi della top-10 dei siti di interesse artistico e monumenti più cliccati.

Quest’anno, il monumento italiano che colpisce di piu’ è la Basilica di San Pietro di Roma seguito dal Centro Storico di San Gimignano, perla della della Toscana.

Ecco la classifica Top-10 Italia:

– La Basilica di San Pietro: con una superficie di 22.067 mq, un’altezza di 136 metri  e circa 18 milioni di visitatori l’anno, é la più grande basilica al mondo, oltre che la più visitata. Eretta dall’Imperatore Costantino nel 322 d.c, con il suo Cupolone del diametro di 42 metri, è da sempre il monumento sempre simbolo dell’identita’ di Roma e della Chiesa stessa. La Basilica di San Pietro colpisce per la sua grandiosità e per la perfetta armonia delle sue misure. Il consiglio che viene dalla rete per chi la visita la prima volta è quello di procedere a testa china lungo tutta la navata centrale e, una volta arrivati sotto la cupola, alzare gli occhi al cielo e prendere coscienza piano piano delle straordinarie dimensioni;
– Centro Storico di San Gimignano: dichiarato dall’Unesco, patrimonio dell’Umanità, San Gimignano è il migliore esempio di conservazione urbana della Toscana del ‘200: passeggiare nel suo Centro Storico è un tuffo a pieno petto nel passato. I turisti, soprattutto stranieri, in questo centro ritrovano condensato tutto charme della Toscana e possono godere dei ritmi lenti e sincopati delle sue botteghe artigiane, del suo clima da weekend perenne, della qualità dei cibi locali. San Gimignano è anche detta la città delle torri per via delle sue numerose torri (72 in origine, oggi 14) che costituivano il suo nucleo urbano: all’epoca del suo splendore commerciale, tra il X e il XIII secolo veniva considerata la città più moderna e operosa della Toscana;
– Musei Vaticani: visitato da una media di 4 mln di turisti ogni anno, conservano la più importante collezione di opere internazionali in Italia. Per molti un concentrato di meraviglie della storia dell’Umanità: dall’ingresso trionfale egiziano, si passa alla sezione mesopotamica, con un tuffo nella civiltà etrusca, greca, romana per arrivare alle grandi opere pittoriche fino al Tardo Rinascimento. Unica nota dolente segnalata dalla community di viaggiatori, la fila chilometrica dell’ingresso in tutti i periodi dell’anno che può scoraggiare anche i più motivati;
– Duomo di Monreale, Palermo: entusiasmò talmente tanto Guy de Maupassant che lo descrive nella sua Via errante come l’esempio della “perfezione e armonia che sublima nella contemplazione mistica”.  La cattedrale normanna venne costruita nel 1174 per volere di Guglielmo II D’Altavilla. Colpisce per la sua sontuosità: varcata la soglia e il portone di Pisano, gli interni sono ricoperti da 6.300 mq di mosaici policromi che lasciano senza fiato. Ma soprattutto per la sua poliedricità: l’arte normanna in quest’opera si incrocia con quella islamica e quella bizantina fondendosi alla perfezione. Nell’ala orientale del Duomo, il chiostro dell’antico convento benedettino;
– Colosseo, Roma: il più grande anfiteatro romano e l’attrazione italiana più fotografata e visitata d’Italia, venne costruito dall’Imperatore Vespasiano della dinastia Flavia nel I secolo d.c. ed è stato chiamato successivamente Colosseo probabilmente per la precedente gigantesca statua di Nerone che qui era collocata o semplicemente per le dimensioni dell’Anfiteatro. Oggi è un monumento a sé, perfettamente conservato nel corso dei secoli. Il Colosseo rappresenta, non solo per i romani stessi, quel cordone ombelicale con la storia per la quale si sente rispetto e reverenza;
– Cattedrale di Santa Maria del Fiore, Firenze: la cattedrale di Santa Maria del Fiore, conosciuta come il Duomo di Firenze, venne costruita nel 1296 in sostituzione della basilica paleocristiana di Santa Reparata. Alta 107 metri per 153 di lunghezza, sarebbe dovuta diventare la piu’ grande ed insuperabile cattedrale toscana. L’intento venne portato a termine: la cattedrale venne consacrata nel XV secolo ed é rimasta fino oggi la più grande in Toscana e tra le più grandi in Europa. Particolare del Duomo di Firenze: il campanile progettato da Giotto-Pisano e la più grande cupola in muratura mai realizzata, di Filippo Brunelleschi, affrescata per 3600 mq dal Giudizio Universale, ad opera di Vasari-Zuccari;
– Palazzo Ducale, Venezia: il Palazzo Ducale, originaria sede dei dogi, rappresentò un tempo il fulcro della della vita politica e amministrativa della millenaria storia della Serenissima Repubblica di Venezia; oggi ospita i Musei Civici Veneziani. La sua costruzione e successive modifiche risalgono al IX secolo quando si decise di trasferire la sede ducale da Malamocco a Venezia. Architettonicamente rappresenta l’esempio migliore del gotico veneziano. Il Palazzo dei Dogi colpisce soprattutto per la sua facciata maestosa e il ritmo cromatico che lo accompagna che rende l’idea dello splendore di Venezia al tempo della Repubblica. Lo scenario nel quale è immerso, affacciato sulla laguna, spesso immerso nella morbida nebbia di Piazza San Marco, lo rende ancora più inatteso e imprevisto come fosse uno dei palazzi reali da Le Mille e una notte;
– Basilica di San Marco, Venezia: la Basilica di San Marco, nell’omonima piazza e cuore della città lagunare, venne costruita nell’XI secolo per ospitare le reliquie di San Marco, patrono della città e icona di Venezia sotto le spoglie del Leone Alato. Costruito su pianta a croce greca, tre navate per braccio e cinque cupole, San Marco rappresenta senza dubbio il più importante esempio dell’architettura bizantina in Italia. La basilica custodisce, dietro l’altare, uno dei principali tesori: la Pala d’Oro, incastonata di gemme e preziosi, realizzata tra il X e il VIX da orefici veneti e bizantini;
– Duomo di Siena: costò due secoli di lavori e venne costruito nello stesso periodo del Duomo di Firenze. Avrebbe dovuto superare per dimensioni il Duomo fiorentino ma la peste in città, nel XIV secolo, ridimensionò i lavori. Progettato da Nicola Pisano, strutturato a croce latina a tre navate, il Duomo é uno degli esemplari di sintesi romanico-gotici italiani più importanti e colpisce per la sua maestosità;
– Certosa di Pavia: é un Monastero che venne eretto nel 1396 per volere di Gian Galeazzo Visconti. E’ sede attuale dell’ordine dei monaci cistercensi. La chiesa venne progettata su linee grandiose, inusuali per quello che era lo stile dell’ordine certosino. La Chiesa sarebbe dovuta diventare il mausoleo dinastico dei Duchi di Milano e venne conclusa per ultima alla fine del XV secolo. Fanno parte del complesso, il grande cortile lungo 110 metri e largo 46 e il Palazzo Ducale costruito nel 1625.

Vi consigliamo anche