Il Dogu Ekspresi: il treno che attraversa l’Anatolia

Il Dogu Ekspresi, il cui nome ricalca quello del famoso Orient Express, parte ogni giorno da Haydarpasa, la stazione di Istanbul e arriva fino alla città di Kars. Va da un capo all’altro dell’Anatolia, percorre circa 1.928 chilometri e ferma in un’ottantina di stazioni, con tappe ad Ankara, Kayseri (Cappadocia), Sivas, Divrigi ed Erzincan.

Il Dogu Ekspresi non è molto frequentato, infatti il mezzo principale del paese è il pullman; I turchi lo usano soprattutto per brevi tragitti, perchè viaggiare qui sopra non è proprio il massimo della comodità. Studenti, lavoratori, persone che vanno da parenti o amici, tutti salgono e scendono dal treno, tutti con una storia da raccontare.

 

Dopo la stazione di Ankara il treno si svuota ancora di più, soprattutto di studenti che studiano a Istanbul, ma vivono in altre zone. Intorno a Sivas il paesaggio diventa più selvaggio e meno costruito.

Se si prende il treno nei mesi estivi, arrivati da queste parti si vede finalmente spuntare il sole, invece della solita nebbia che d’inverno circonda questa regione. Tra Sivas e Divrigi il treno attraversa diversi canyon e, superata Kangal, arriva a Cetinkaya. Qui la natura diventa sempre più bella, con i fiumi che scorrono accanto alla ferrovia per chilometri.

 

Ed è proprio l’Eufrate che accompagna il treno fino a Erzincan. Il viaggio prosegue e si avvicina alla meta finale, Kars. I campi che costeggiano la ferrovia sembrano enormi tappeti gialli: sono pieni di girasoli, che qui sono chiamati "fiori del sud".

Finalmente il treno arriva a Kars. Da qui il Dogu Ekspresi torna indietro verso Istanbul, seguendo lo stesso itinerario.