Il Principato di Monaco e Montecarlo, storia di una favola

Il Principato di Monaco è il penultimo stato del mondo per dimensioni, ma uno dei primi per qualità della vita, un piccolo fazzoletto, sospeso tra Italia e Francia, stretto tra le Alpi e il Mar Mediterraneo e reso celebre dalla sua monarchia e dal fascino sofisticato della Costa Azzurra.

Abitato fin dall’epoca preistorica, il territorio monegasco definì la propria identità e il proprio nome con i Fenici, a cui seguirono i Greci e, dal 122 a.C., i Romani.

La sua storia come stato autonomo inizia con le lotte tra i Guelfi e i Ghibellini di Genova, precisamente nel 1297, quando il Guelfo Francesco Grimaldi (capostipite del principato più longevo di tutti i tempi) s’impossessò del castello edificato dai Ghibellini e attuale dimora della famiglia Grimaldi, segnando la nascita dello Stato di Monaco.

Nell’Ottocento il piccolo regno potenziò quelle risorse che sono ancora alla base della sua economia, divenendo un’ambita meta turistica, grazie alla realizzazione della ferrovia, all’apertura del Casinò e allo sviluppo della propria recettività balneare.

Con Ranieri di Monaco, a partire dal 1949, si ebbe un ulteriore ampliamento territoriale e, grazie al leggendario matrimonio con la diva del cinema Grace Kelly, il piccolo principato divenne per tutti l’indiscusso scenario di una favola moderna.

Il cuore nevralgico del Principato è la città di Montecarlo, all’avanguardia per qualità dell’offerta e dei servizi, come per la varietà delle proposte: dalle spiagge alle megastrutture, dal Casinò all’autodromo di Formula 1, fino alle passerelle di celebrità che periodicamente stazionano tra l’Hotel De Paris e l’Hermitage.

Il suo fulcro culturale è rappresentato dal Grimaldi Forum, un modernissimo centro espositivo che ospita periodicamente mostre ed eventi; molto noto è anche il Giardino Esotico, con la sua immensa varietà di specie vegetali e le sue scenografiche grotte naturali, rivestite di stalattiti e stalagmiti e uniche per il loro percorso interno, che parte da una delle vette del Principato per terminare diversi metri sotto il livello del mare.

 

La vera attrattiva però è quell’atmosfera romantica e mondana, altolocata e piacevolmente snob che si respira, quel gusto aristocratico che lega il passato al presente, quella piacevole brezza che avvolge chiunque passeggi per le strade di Montecarlo, trasportando magicamente dentro una favola.