In crociera nell’Arcipelago artico canadese

Anche se forse è un po’ costosa, la crociera è il modo migliore per visitare L’Arcipelago artico canadese, il regno dei ghiacci.

La nave offre la possibilità di visitare molti posti e di vedere da vicino iceberg e animali. Si parte da Resolute, uno dei pochi luoghi abitati su un tragitto mitico: il passaggio a nordovest.

Questa rotta marittima permette, quando non è bloccata dal ghiaccio (estate), di passare dall’Oceano Atlantico all’Oceano Pacifico.

 

Il paesaggio è davvero affascinante: appena il suolo ghiacciato si scioglie per pochi centimetri lascia un terreno fertile per alberi, piante e tappeti di prato verde.

Usciti dal canale, c’è la Baia di Baffin, che confina a est con la Groenlandia. Percorrendo la costa ovest si fa scalo a Grise Fiord, "la terra che non si scioglie mai", come la chiamano gli inuit, la più settentrionale delle comunità abitate del Canada.

Anche se qui, d’estate, è molto diverso da una desolata distesa di ghiaccio e neve; i licheni color arancio sbocciano dalla terra e dove non c’è ghiaccio, ci sono prati di margherite e fiorellini di ogni colore.

Si arriva a Dundas Harbour, un antico posto di vedetta a guardia di un’ansa di mare occupata da orde di trichechi. Tutt’intorno piantine di cotone fiorite.

D’estate l’arcipelago si ripopola di molte specie animali come uccelli, balene, volpi, orsi, foche. Con un po’ d’attentenzione, sulla costa, si possono vedere i nidi degli uccelli negli anfratti delle rocce.

Ma gli iceberg sono in assoluto la cosa più bella e imprssionante da vedere: cupe cattedrali di ghiaccio che camminano nella baia e lungo la costa come fantasmi…