In viaggio a Tripoli, capitale della Libia

Tripoli, capitale della Libia, è una città portuale in cui l’islam si mescola con antiche civiltà: qui si ritrovano, infatti, tracce di presenza romana, turca e araba.

La medina, cioè la città vecchia, è un labirinto di vicoli, piazze e suk e i muri delle case spesso conservano dettagli dell’epoca romana e i portoni decorati sono una vera opera d’arte.

Fuori dalla medina ci sono alcune zone simili alle favelas, ma per il resto Tripoli offre tutto: Internret cafè, bar, ristoranti e negozi.

In lontananza non si può fare a meno di notare le due torri ultramoderne del complesso di Bural Al Fatah mentre, presso il garage Tunis, che ospita il più grande parcheggio e snodo di tram e taxi, si trova il mercato all’aperto della città.

E qui che si sente pulsare la vera Africa ed è qui che, donne provenienti dal Sudan e dal Niger, espongono i propri prodotti, tra cui eccezionali esemplari di arte africana.

Ma Tripoli ha ancora molto da offrire: lunghe e belle coste che si affacciano sul Mediterraneo con un mare caldo e pulito, dove decidere di passare una vacanza all’insegna di sole, mare e relax, lontano dal turismo di massa.

Assolutamente da assaggiare i piatti locale: la cucina libica è fatta principalmente di carne e verdure con couscous e maccheroni, oltre alla famosa "sherba", una zuppa di verdure molto speziata e all’"harira", la zuppa di lenticchie.

Ufficialmente gli alcolici in Libia sono vietati, ma in realtà si trovano dapperttutto, sia quelli di importazione, sia un ottimo vino di produzione locale.