In viaggio in Nuova Zelanda ad Auckland, giovane e vitale

Auckland è una città moderna, "giovane" dove è difficile trovare grandi opere architettoniche o monumenti storici come nella maggior parte delle città del mondo.

A parte la bellissima galleria d’arte in stile vittoriano, Auckland è una distesa infinita di sobborghi con case basse e ville discrete immerse nel verde.

Comunque il centro storico, anche se diverso dalle zone pedonali di quasi tutte le capitali europee, non va assolutamente trascurato.

 

Infatti ci sono diversi luoghi molto affascinanti da visitare, come l’edificio dell’ex sede postale che è stato completamente reinventato in un’elegante stazione ferroviaria con all’interno moltissimi negozi, caffè, bar e un mercato che si tiene ogni fine settimana.

Anche la zona portuale è stata rimodernata, i pontili offrono ristorantini all’aperto, mercati del pesce e, passeggiando lungo le passerelle, si possono ammirare grandi barche e yacht di lusso.

Proprio per la presenza di numerose barche e soprattutto di regate, Auckland è chiamata "la città delle vele".

Assolutamente da non perdere è una passeggiata nel Domian, il gigantesco parco cittadino che al suo interno ospita l’Auckland Museum, una struttura degli anni venti e i famosi Wintergardens, i Giardini d’inverno: una bellissima serra vittoriana piena di piante tropicali e fiori rari. Se poi avete voglia di mare, qui c’è l’imbarazzo della scelta.

 

Le spiagge più belle sono a circa un’ora di macchina da Auckland sulla costa occidentale: Te Henga e Karekare sono delle lunghe distese di sabbia nera molto suggestive. Auckland è una città vitale e molto affascinante che ha fatto del suo design urbano "moderno" il suo vero punto di forza.