Le Cinque Terre e il Sentiero dell’Amore

Immerso nello splendido scenario delle Cinque Terre, il Sentiero (o Via) dell’Amore rappresenta uno dei tracciati più celebri d’Italia.

Nulla possono la spigolosità di alcuni tratti e l’inconveniente del pedaggio contro le atmosfere e la bellezza del paesaggio offerto da questo scorcio di Liguria.

La storia del sentiero comincia agli inizi del ‘900, legata a filo doppio con le sorti della linea ferroviaria Genova – La Spezia.

È proprio per ammodernare la ferrovia che ad un certo punto si rese necessario realizzare una galleria che collegasse i piccoli borghi marinari di Manarola e Riomaggiore; per intervenire sulle rocce con la polvere da sparo, senza danni per la popolazione, era necessario operare ad una certa distanza dai centri abitati.

Vennero così scavati due sentieri a picco sul mare che permettessero l’accesso ai lavori; ben presto i lavori terminarono ma i due sentieri sopravvissero, divenendo oggetto dell’interesse dei due comuni di Manarola e Riomaggiore, che vedevano aprirsi una nuova via di collegamento, breve e veloce per entrambi.

Dietro il pagamento della somma di 10.000 lire vennero assoldati due esperti locali, che studiassero la migliore soluzione per ampliare e connettere le due strade. Nonostante le numerose difficoltà l’impresa riuscì, trasformando quello che era nato come un condotto ferroviario in un percorso così romantico da essere ribattezzato la Via dell’Amore.

Oggi questo tragitto, che si estende per poco più di un chilometro, è battuto da milioni di visitatori, affascinati dall’idea di un tuffo in mare dalle scogliere che si sviluppano lungo il litorale delle Cinque Terre, di una sosta appartata in una delle panchine in pietra scavate nella roccia o di un succulento pranzetto a base di cucina ligure e paesaggio mozzafiato.