Le meraviglie del mondo sono 25

In occasione del suo venticinquesimo anniversario, la guida turistica britannica Rough Guides ha compilato una lista delle 25 meraviglie della Terra che comprende, per la prima volta, anche due siti italiani: la Cappella Sistina di Roma e la città di Venezia nella sua interezza.

Tra i luoghi segnalati dalla Rough Guide si trovano Salar de Uyuni, in Bolivia, la più grande distesa salata del mondo, la Grande Moschea di Djenné, in Mali, la diga di Itaipù, la più grande della Terra, al confine tra Brasile e Paraguay, il tempio di Angkor Wat, in Cambogia, e la barriera corallina in Belize.

Ma anche la catena montuosa dell’Himalaya, la maestosa Eyers Rock in Australia, il ghiacciaio Perito Moreno nella Patagonia argentina, il Rio delle Amazzoni, in Brasile, i camini delle fate e le grotte della Cappadocia in Turchia, il Grand Canyon in Colorado, le cascate Victoria, al confine tra Zimbabwe e Zambia.

Tra i capolavori dell’uomo spiccano invece la Cappella Sistina, Venezia, le piramidi di Giza in Egitto, Petra la città intagliata nella roccia del deserto della Giordania, Machu Picchu, la Sagrada Familia di Barcellona, la Città Proibita di Pechino e la Grande Muraglia cinese, il Taj Mahal, in India, le rovine ed i tempi maya in Messico e Guatemala, le misteriose figure di pietra dell’Isola di Pasqua e anche le luci sfavillanti di Las Vegas.

Rough Guides suggerisce anche le 25 cose che bisogna assolutamente fare o visitare nel Regno Unito: partecipare al Festival della musica del teatro e della danza di Edimburgo e al Carnevale di Notting Hill a Londra, godersi una passeggiata lungo la costa del Pembrokeshire, nel sud-ovest del Galles, o respirare l’aria salmastra di Tobermory, nell’Isola di Mull, a nord della Scozia. E andare a bere una pinta di Guinness… ma a Dublino.