0 Shares 11 Views
00:00:00
16 Dec

Ostelli in Giordania, dove tutto è possibile

dgmag - 2 luglio 2010
2 luglio 2010
11 Views

Hostelsclub.com propone un tour che tocca tre città della Giordania molto diverse tra loro, ma paradigmatiche del mix unico di civiltà e fascino, con soggiorni in ostelli low cost.

Si inizia da Amman, capitale del paese, città multietnica e cosmopolita. Un po’ come Roma, Amman sorge su sette colli, gli “jebels”, che identificano i sette quartieri della città. Sul colle più alto (che tocca quasi i 1000 metri) si trova la cittadella, un’antica acropoli romana, ristrutturata nel Medioevo, dalla quale si può contemplare la pianura intorno con un panorama da togliere il fiato. I contrasti si fanno subito notare: l’eco di un clacson rimbomba e si confonde con il vocio di una preghiera, le suonerie dei telefoni cellulari si amalgamano con le grida dei mercanti, i grattacieli svettano sulle eleganti architetture delle moschee e dove tutto si mescola. Si può soggiornare al Farah Hotel, ostello nel centro di Amman, ideale per i backpackers e con prezzi a partire da 5,70 euro.

Ecco poi Aqaba, unico porto marittimo della Giordania, conquistato con grande fatica all’Arabia. E’ il territorio di Lawrence d’Arabia nella guerra contro i turchi, ed è diventato un famoso luogo di villeggiatura, amato per le spiagge di sabbia bianca e l’acqua turchese. In queste acque trasparenti lo snorkeling e le immersioni sono un vero e proprio must e chi non ama bagnarsi può sempre affittare un battello dal fondo di vetro per ammirare la barriera corallina. Il soggiorno al Darna Village, con splendida piscina, parte da 9 euro a persona al giorno, con colazione continentale o araba inclusa.

E come non passare per la mitica Petra, città misteriosa per eccellenza, così viva nell’immaginario collettivo? Un alone magico la avvolge dalla notte dei tempi, e la sua storia recente narra di come nel 1812 lo svizzero Burckhardt, travestito da beduino, riuscì ad arrivare in questo luogo circondato da gole scoscese e abissi impenetrabili. Il rosso della terra, il giallo e il verde della vegetazione contrastano meravigliosamente con i monumenti di ogni tipo, letteralmente scavati nella roccia. Tracce di una civiltà sparita nel nulla, i nabatei, dei quali restano anfiteatri, tombe e il famosissimo monastero di Petra. Questo imponente tempio, patrimonio dell’UNESCO, è una costruzione davvero unica: basti pensare che é stato costruito al contrario, vale a dire dalla testa ai piedi. Essere a Petra regala la sensazione di essere in viaggio tra i confini più magici e remoti della terra. E per riposare dopo aver faticosamente salito i 788 scalini che conducono al monastero, un ottimo ostello a Petra è il Cleopetra Hostel che si trova nel centro della cittadina di Wadi Mousa e i prezzi partono da 12,15 euro a persona a notte.

Informazioni e prenotazioni cliccando qui.

Loading...

Vi consigliamo anche