0 Shares 13 Views
00:00:00
13 Dec

Overbooking, risarcimenti e indennizzi

3 agosto 2009
13 Views

E’ stata una giornata di protesta ieri all’aeroporto di Fiumicino per via di problemi di prenotazione e gestione di Alitalia.

Tantissime persone che dovevano recarsi a Istanbul, Caracas, Boston e Atene sono rimaste infatti a terra a causa di un’eccedenza nelle prenotazioni.

Alitalia ha fatto sapere che indennizzerà i viaggiatori sui voli internazionali con 250 euro, che diventeranno 750 su quelli intercontinentali.

Ma cosa fare quando ci si trova in situazioni di overbooking e si resta a terra?

Il presidente di Telefono Blu, Pierre Orsoni, "invita tutti a fare ricorso con l’associazione chiedendo il risarcimento a partire dalla terza ora di ritardo".

"Una volta prenotato il volo", consiglia Orsoni, "ricordate di versare i soldi del biglietto entro la data prevista (per i voli nazionali l’acquisto del biglietto deve avvenire entro un massimo di 72 ore dalla prenotazione e per quelli internazionali talvolta il termine è 24 ore, ma le tariffe speciali o ridotte varia a seconda della compagnia); cercate di arrivare presto in aeroporto anche se avete solo il bagaglio a mano. Se ve ne dimenticate, i rischi di non trovare il vostro posto aumentano".

Per quanto riguarda le compagnie aeree fa inoltre sapere l’associazione, esiste un regolamento comunitario che da qualche tempo tutela i diritti del passeggero che incappa nell’overbooking: si tratta del Regolamento 261/04CE cui far riferimento se ci si vede negare l’imbarco per overbooking con un indennizzo che varia tra 250, 400 e 600 euro a seconda che la distanza sia inferiore ai 1.500 km o superiore o che si tratti di una rotta internazionale oltre i 3.500 km.

E’ necessario ricordare che le cifre si dimezzano se si decide di viaggiare su voli alternativi con orari d’arrivo rispettivamente entro le 2, 3 e 4 ore dallo sbarco originariamente previsto.

Vi consigliamo anche