0 Shares 11 Views
00:00:00
13 Dec

Ponte dell’Immacolata 2011 sulla neve, le mete più economiche e quelle più costose

21 novembre 2011
11 Views

Il Ponte dell’Immacolata 2011 è la prima vera occasione per chi ama sciare: le piste sono aperte pressochè ovunque, se la stagione permette si può sciare senza ricorrere alla neve artificiale e soprattutto si tratta di 4 giorni pieni che possono essere sfruttati al massimo per tirare fuori l’attrezzatura sportiva e rimettersi sci e scarponi ai piedi.

Ovviamente per via della crisi è bene farsi quattro conti prima di prenotare la propria vacanza per l’Immacolata sulla neve tenendo conto delle località più costose e di quelle meno costose in modo da organizzare e pianificare al meglio i propri 4 giorni di riposo; la classifica è stata stilata da Trivago.

E’ la Svizzera la patria delle destinazioni di montagna più costose per l’Immacolata 2011 con St. Moritz che continua ad essere la localitá sciistica piú cara d’Europa seguita dalla svizzera Zermatt e dall’italiana Courmayeur: in tutte e tre le cittadine i prezzi si aggirano sui 200/250 euro a notte per persona.

La Svizzera è subito seguita dall’Austria con Kitzbühel quindi dalla Scandinavia con Lillehammer e dalla Germania con Oberstdorf; interessante il piazzamento della Sierra Nevada, in Spagna, al settimo posto prima dell’austriaca Zell am See.

In Italia si piazzano al nono e decimo posto le rinomate Cortina d’Ampezzo e Livigno che chiudono la classifica delle destinazioni più costose per l’Immacolata 2011.

Le destinazioni più economiche sono invece in Slovenia a Predeal, Bansko e Zakopane che si situano prima di Les Deux Alpes, Kranjska Gora e Maribor; l’Italia piazza al settimo posto tra le mete più economiche dove sciare l’8 dicembre 2011 Madonna di Campiglio seguita da Chamonix, Canazei e Sölden.

Vi consigliamo anche