0 Shares 18 Views
00:00:00
14 Dec

Tendenze viaggi 2010, cambia l’approccio dei turisti

21 aprile 2010
18 Views

I viaggi stanno subendo un profondo e rivoluzionario cambiamento, almeno a sentire uno studio portato avanti da Euro RSCG Worldwide.

Analizzando i risultati di questa ricerca condotta su 2.357 adulti negli Stati Uniti d’America, in Francia e nel Regno Unito, Euro RSCG rileva come i cambiamenti nelle coscienze dei consumatori stiano plasmando nuovi modelli di viaggio e creando così un nuovo modello per rispondere alle loro esigenze.

La ricerca dedica uno speciale focus al segmento di coloro che sono identificati come Prosumers, ovvero persone che adottano un approccio più attento al consumo che comprende anche le sensibilità per l’ambiente, le comunità locali e la cittadinanza globale.

Per i Prosumers, viaggiare è molto più che raggiungere un punto B partendo da una località A e ritornare:
– il 66% si considera Cittadino del Mondo;
– il 73% pensa che fare viaggi ad ampio raggio sia un modo per rendere le persone più interessanti.
– il 59% si preoccupa di quanto e di come il viaggio riveli qualcosa di se stessi.

Cambiano dunque anche gli obiettivi per i periodi di vacanza e contestualmente anche le richieste che stanno presentando ai propri operatori di viaggio.

In particolar modo se la consapevolezza dell’impatto ambientale è stata quasi del tutto assente dalla maggior parte dei viaggiatori fino a poco tempo fa, oggi l’eco-coscienza sta diventando fondamentale.  

Secondo la ricerca, infatti, il 74% dei Prosumers trae beneficio dal fare scelte a favore dell’ambiente e il 63% presta maggiore attenzione all’impatto ambientale e sociale dei prodotti che acquista.

Euro RSCG ha evidenziato che le persone hanno sempre più bisogno di trovare un significato alla propria vita:
– il 79% dei Prosumers si preoccupa che la società sia diventata troppo superficiale, poiché si focalizza su cose che non contano veramente.
– il 66% si preoccupa che le persone siano diventate troppo distaccate dal mondo naturale, mentre il 53% si preoccupa che la comunicazione digitale stia indebolendo i legami umani .
– l’84% sta compiendo un concreto sforzo per migliorare ciò che è e il modo in cui vive.

Loading...

Vi consigliamo anche