Turista italiano, pessimo l’identikit

E’ pessimo ma ben vestito il turista italiano medio, almeno stando a quanto sostiene l’Expedia’s Best Tourist League 2007, secondo la quale siamo tra gli ultimi nella classifica dei turisti migliori del mondo.

Expedia ha raccolto le impressioni di circa 15000 gestori di hotel in tutta Europa chiedendo di esprimere il loro parere sui turisti di diverse nazionalità tenendo conto di vari parametri tra cui il comportamento, la cortesia, l’ordine e la pulizia, la capacità di adattarsi alla lingua del posto, la propensione alla spesa e l’abbigliamento.

Nessuna novità eclatante ai vertici, dove spiccano i giapponesi che raccolgono il 65% dei voti positivi per la loro educazione, il loro ordine, la discrezione e la loro tendenza a spendere senza farsi tanti problemi.
A seguire si trovano gli americani con il 21%, gli svizzeri con il 18% e gli svedesi con l’11%; i tedeschi scendono dal podio, conquistato nel 2002, e si posizionano al 5° posto con il 10% dei voti.

Ma sul fondo della classifica si piazzano i turisti inglesi, gli israeliani, i russi e i francesi.

Agli italiani, che ottengono il 19esimo posto su 29, viene tributato il merito di essere sempre ben vestiti alla moda ma anche i tristi primati di turisti più rumorosi in assoluto, meno educati, meno generosi.

Interessante notare che gli italiani, quando viaggiano in Italia, si comportano meglio di come si comportano quando viaggiano all’estero e che la ricerca tiene conto solo ed esclusivamente di quei turisti medi che, grazie alla disponibilità di voli low cost e proposte a basso prezzo, hanno iniziato a viaggiare e a fare del turismo italiano uno dei meno amati in tutto il mondo.