Vacanza lampo, la nuova tendenza

Soggiorni brevi, da una a tre notti di permanenza: è questa l’ultima tendenza del vacanziero italiano, che sceglie sempre più il ‘mordi e fuggi’.

Le microvacanze, come sostengono gli esperti, sono un fenomeno di eccezionale rilievo economico: 20 milioni gli italiani coinvolti, per un totale di 85 milioni di notti passate fuori casa.

Il fenomeno è stato ben percepibile durante le ultime vacanze natalizie, per le quali sono state preferite le formule dei long week-end e le destinazioni a corto, o addirittura cortissimo, raggio. Secondo lo studio, questo genere di vacanza acquisirà sempre maggiore popolarità tra gli italiani che entro il 2010 la sceglieranno in 50 milioni.

Questo fenomeno definirà una sostanziale inversione di rotta nella politica delle prenotazioni, che, se fino a qualche anno fa non erano necessarie per un week-end fuori città, diventeranno prassi comune per almeno un italiano su tre, che penserà bene di organizzarsi in anticipo.

nfine, le microvacanze sono un fenomeno che scardina molti luoghi comuni: dall’inutile tentativo da parte degli operatori del settore, di prolungare la vacanza al lamento per le stagionalità: questo tipo di vacanza sarà infatti, spalmabile nell’arco di tutto l’anno tranne agosto, picco d’alta stagione, e dimostrano che la stagionalità è molto più forte dal lato delle imprese che non da quello dei turisti.