0 Shares 13 Views
00:00:00
12 Dec

Vacanze di Pasqua, capitali europee e città d’arte le preferite

7 aprile 2009
13 Views

Lastminute ha realizzato un sondaggio fra i propri navigatori sulle imminenti vacanze di Pasqua; il campione mostra di prediligere mete piuttosto classiche: il 45% sceglie infatti le capitali europee o le città d’arte italiane.

Buona però anche la preferenza dei centri benessere (18%) e degli agriturismo (13%), probabilmente perché sia la cura del corpo sia il contatto con la natura sono considerati un buon espediente per staccare la spina.

Aumentano le prenotazioni su Londra, Parigi e Roma.

Per più del 90% del campione le vacanze di Pasqua non si protrarranno per più di una settimana; vista la scarsa durata anche le previsioni di spesa sono piuttosto contenute e l’85% degli intervistati non supereranno i 1.000 euro a persona.

Se è vero che il 63,5% del campione alla domanda diretta dichiara che spenderà meno dell’anno scorso, tuttavia il 37,5% dice che ridurrà i giorni e sceglierà mete più vicine senza però mai rinunciare alla massima qualità, il 24,3% sarà pronto a fare rinunce su altri fronti pur di non sacrificare le vacanze e il 20,2% degli intervistati continuerà a viaggiare anche se sceglierà solo le offerte più vantaggiose. Solo il 18% dichiara che nelle sue spese ridurrà all’osso la voce viaggi.

Il campione dimostra che anche per Pasqua gli italiani si confermano late bookers: il 54% dichiara di scegliere e acquistare la vacanza solo all’ultimo minuto, il 37,5% 2/3 settimane prima della partenza e solo l’8,5% sostiene di avere pianificato e acquistato il viaggio da tempo.

La preferenza accordata alle prenotazioni su Internet è legata soprattutto alle dimensioni di servizio che tale mezzo offre: risparmiare denaro (38,4%), costruirsi pacchetti su misura per le proprie esigenze (27%) e risparmiare tempo (26,5%).

Nell’immaginario del campione di Lastminute la vacanza ideale in tempi di crisi, indipendentemente dalle prossime vacanze di Pasqua, è il dolce far niente su una spiaggia tropicale, che ha avuto il 34,3% delle preferenze; s seguire le vacanze all’insegna dell’adrenalina, che con il 21,1% superano le classiche vacanze romantiche (15,9%).

Inoltre in tempi di crisi la solidarietà e l’impegno sociale evidentemente non pagano: solo il 6% dedicherebbe le proprie vacanze ad un’esperienza di volontariato nel Sud del Mondo. Buona invece la performance della comodità e della fatica: il villaggio all inclusive con tutta la famiglia ottiene l’11,8% dei consensi, mentre il lavoro dei campi in un agriturismo il 10,9%.

Vi consigliamo anche