Vacanze di Pasqua, cosa è bene sapere

In concomitanza con le vacanze di Pasqua, la Federconsumatori Toscana ha varato una sorta di vademecum per ricordare a tutti quali comportamenti adottare per evitare problemi e truffe.

In caso di viaggio all’estero o tramite agenzia o tour operator è bene sapere che:
a) Se si acquista un pacchetto di viaggio per una meta esotica è necessario ricordare che il turista ha diritto a recedere dal contratto senza pagare penali solo se è in grado di sostituire la propria persona con un’altra che abbia i documenti in regola;
b) Prima di decidere la meta del viaggio è bene consultare il sito del Ministero degli Esteri cliccando qui oppure il sito del Mae-Viaggiare Sicuri per trovare informazioni aggiornate ed attendibili sul Paese scelto;
c) Pretendere sempre la consegna dei depliant e degli opuscoli illustrativi da parte dell’agenzia di viaggio;
d) Se si acquista un all inclusive si deve ricevere copia del contratto con una descrizione precisa del pacchetto in tutti i suoi elementi e qualunque cambiamento rispetto al programma originario deve essere comunicato per iscritto e con un congruo anticipo;
e) In caso di danni, il tour operator è tenuto al risarcimento anche se il disservizio è stato provocato da uno dei fornitori;
f) Per essere risarciti, è necessario inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno, rispettando il termine di dieci giorni lavorativi dalla data del rientro, indirizzandola al tour operator e all’agenzia presso cui il viaggio è stato acquistato;
g) Se si prenota il volo, in caso di overbooking si ha diritto ad un risarcimento e a ricevere vitto e alloggio dalla compagnia per il tempo di attesa prima di ripartire immediatamente o in altra data per lui opportuna. In alternativa si può ottenere rimborso della parte di percorso non goduta per partire con altra compagnia.

A chi sceglie di trascorrere le vacanze di Pasqua in Italia o comunque godersi una gita fuori porta, Federconsumatori ricorda:
a) Se si decide di andare a passare la domenica al mare, si deve ricordare che l’accesso alla battigia è libero e gratuito e i gestori dei bagni non possono impedire con divieti o imponendo un pagamento l’accesso al mare. Lo stesso gestore è responsabile di eventuali furti che accadono all’interno dello stabilimento balneare;
b) Se scegliete di pranzare al ristorante, il cliente deve sapere in anticipo quanto spenderà e dunque è necessario che il listino prezzi, compreso l’eventuale coperto, sia esposto;
c) Chi decide di alloggiare in albergo deve sapere che l’albergatore è obbligato a ricevere il denaro che il cliente vuole lasciare in cassaforte e che il titolare dell’albergo risponde dei furti che il cliente subisce, senza alcun limite nel caso in cui i beni o il denaro sottratti gli siano stati consegnati o la perdita sia imputabile ad esso od ai suoi dipendenti. Il risarcimento non può invece superare una somma pari a 100 volte il valore della camera se gli oggetti sottratti o distrutti non sono stati consegnati ma lasciati in stanza;
d) Se si sceglie di passare il week-end di Pasqua in un campeggio è bene ricordare che tra gli obblighi del gestore è compresa la custodia continua nel complesso e l’obbligo di assicurazione per i rischi di responsabilità civile nei confronti del cliente. Il campeggiatore ha inoltre il diritto di ottenere il risarcimento del danno in caso di furto.

Per trovare le migliori offerte per Pasqua rimandiamo all’approfondimento realizzato da DGMag e accessibile cliccando qui.