0 Shares 6 Views
00:00:00
11 Dec

Vacanze estate 2009, la crisi frena le grandi partenze

10 agosto 2009
6 Views

Agosto, lavoro non ti conosco: così, fino a qualche anno fa, sosteneva la maggior parte degli italiani che nel mese più caldo dell’anno si concedeva il lusso delle vacanze senza badare, spesso, a spese.

Adesso le cose sono decisamente cambiate e le grandi città, anche in agosto, restano comunque affollate permettendo anche ai commercianti di non chiudere bottega, neanche la settimana di Ferragosto.

Secondo Fipe (Federazione italiana pubblici servizi), sarà per la crisi economica o per le mutate esigenze personali, ma si è riscoperto il piacere di frazionare le vacanze distribuendole su più periodi.

La Fipe rileva comunque che la stagione estiva per il turismo, sebbene debole, non può definirsi drammatica in quanto secondo un’indagine realizzata sugli esercenti si è rilevato per il mese di luglio un calo dei turisti circoscritto all’1,3%  mentre per agosto la domanda ha retto con un calo dello 0,2%.

A spendere meno sono soprattutto gli italiani che consumano meno superalcolici, vino, pesce e dolci ma si lasciano andare su birra, aperitivi e soprattutto su gelati, bibite, panini, pizza, frutta e verdure.

Per quanto riguarda le destinazioni, il calo maggiore si registra nelle località di montagna e nei laghi, perdono poco le località marittime, mentre sembrano tenere le città d’arte e i centri minori.

La perdita del turismo straniero riguarda maggiormente tedeschi, francesi e olandesi, americani e giapponesi.

Vi consigliamo anche