0 Shares 17 Views
00:00:00
14 Dec

Vacanze estate 2012 in Italia: low cost e brevi per tutti

15 maggio 2012
17 Views

Gli italiani cominciano a pianificare le vacanze per l'estate 2012 ma, complice una crisi che sembra ormai inarrestabile, sembra proprio che a partire saranno un quarto di quelli che lavorano e che hanno ferie assicurate.

Secondo Federconsumatori per l'estate 2012 partiranno solo il 34% degli italiani che comunque sceglieranno vacanze veloci per evitare il salasso dovuto all'aumento di tutte le voci legate alle vacanze.

Secondo l'associazione, infatti, è previsto un rincaro di oltre il 3% sulle vacanze estive e così per una famiglia di 4 persone una settimana al mare potrebbe significare tirar fuori oltre 3500 euro.

L'aumento maggiore è quello delle autostrade ma sono aumentati, e aumenteranno ancora, gli alberghi, gli autogrill, il noleggio di lettini ed ombrelloni e le spese alimentari: per questo motivo la vacanza estiva nel 2012 sarà possibile solo per poche persone e con le dovute cautele se si resta in Italia.

A fronte di questi aumenti cambia la tipologia di vacanza per cui nell'estate 2012 ci sarà il boom delle vacanze brevi e low cost scelte non più solo dai giovani ma da tutti quelli che, pur di concedersi qualche giorno di ferie, cercheranno le offerte più economiche e vantaggiose.

Federconsumatori ha lanciato così una sorta di vademecum da tenere sotto mano per cercare di ottimizzare le spese in vista delle vacanze estive; tra i punti da ricordare la possibilità di fare benzina presso le pompe bianche per risparmiare centesimi preziosi sul carburante, di fare la spesa presso il negozio di fiducia, di scegliere una sistemazione che comprenda anche i servizi in spiaggia e di portare tutto ciò che serve per la vacanza direttamente da casa.

Va detto comunque che nonostante ivademecum e le raccomandazioni la crisi c'è e si vede e il pericolo è che la stagione estiva 2012 finisca come l'inverno appena passato, con un segno meno per quel che riguarda i vacanzieri italiani e nella speranza che i turisti provenienti dall'estero continuino comunque a scegliere il nostro Paese nonostante i rincari.

Loading...

Vi consigliamo anche