Vacanze estive a Creta, tra mito e realtà

Creta è la più grande delle isole greche e la più meridionale delle isole europee, una sorta di attracco posto in mezzo al Mar Mediterraneo per assorbire le influenza culturali dell’Europa, del Nord Africa e del Medio Oriente.

Contraddistinta da un territorio prevalentemente montuoso e frastagliato, ventoso e frequentemente arido, ma capace di ospitare più di ottanta diverse specie di orchidea selvatica, fatto di coste contraddittorie, più morbide e popolate a nord, più impervie e desolate a sud, Creta appare all’occhio del visitatore come una frazione (neanche tanto piccola) di Libano, staccata dalla terra madre e posizionata in mezzo al mare.

 

Uliveti a perdita d’occhio, acqua azzurrissima, e tanta terra, creta argillosa e malleabile, al centro della produzione artigianale locale e così diffusa da determinare il nome stesso dell’isola.

È la storia a distanziare Creta dagli equivoci di appartenenza della sua geografia e a restituirle un profilo più vicino al suo continente. Un storia che poggia sui fondamenti, in parte reali, in parte alimentati dal mito, di tutta la cultura partenopea.

Ed è proprio a questa che è legata una delle sue testimonianza artistiche più importanti: il Palazzo di Cnosso. Edificato sull’omonima città posta a baluardo della civiltà minoica, il Palazzo è immortalato nell’immaginario collettivo per le pagine mitologiche legate al re Minosse, all’amore della sua sposa Pasifae per un toro, al terribile Minotauro nato dal loro congiungimento. E da qui al labirinto fatto costruire a Dedalo da Minosse per nascondere il feroce mostro metà uomo e metà toro, all’amore di Arianna, figlia del sovrano cretese, e Teseo e alle eroiche gesta di quest’ultimo.

 

Al di là del mito, i reperti archeologici di Cnosso rappresentano un passaggio imperdibile, un tuffo nell’antica civiltà minoica, nelle sue architetture e nei suoi spettacolari affreschi. Altrettanto rappresentativi di questo periodo della storia greca sono l’antica città di Festo, situata nella parte meridionale dell’isola, e il Palazzo di Kato Zakros, affacciato invece sul versante costiero nordorientale.

Il fascino di un passato lontano accompagna il visitatore ovunque, dal Monte Ida agli scavi archeologici dell’entroterra, fino ai centri balneari, tra i quali spicca, per notorietà e ricchezza, quello di Rethimno, in cui l’archeologia si mescola al bianco cangiante delle tipiche abitazioni greche.

Una tappa merita anche Iraklion, capoluogo dell’isola, dove ha sede il più importante museo della civiltà minoica e in cui si conservano, come in nessun’altra area, le influenze dei quasi cinque secoli di dominazione veneziana.

 

Su LastMinute è possibile prenotare le proprie vacanze estive a Creta scegliendo tra varie soluzioni, tutte accessibili a questo indirizzo.

Anche su Expedia sono disponibili offerte per trascorrere le proprie vacanze estive a Creta e in Grecia, semplicemente cliccando qui.