Viaggiare nello spazio dal 2010 si può!

Your Private Italy ha annunciato a Roma, con una conferenza stampa, l’accordo siglato con Virgin Galactic per l’esclusiva della commercializzazione dei viaggi nello spazio in Italia.

Già da questa estate sono previsti i primi voli test
a bordo dello SpaceShipTwo, un aereo spaziale di avanzata tecnologia, realizzato in carbonio composito con caratteristiche tecniche di grande leggerezza e resistenza, che accoglierà sei passeggeri più due piloti.

I voli partiranno dal futuro aeroporto spaziale nello stato del New Messico, lo Spaceport America, unico aeroporto al mondo appositamente dedicato ai viaggi commerciali nello spazio.

"Gli aspiranti astronauti possono ora prenotare il viaggio anche in Italia", ha annunciato Seth Snider, titolare del tour operator Your Private Italy di Salerno, "al costo di 200.000 dollari Usa (126.000 Euro) e si potrà essere rimborsati in caso di disdetta".

La quota comprende anche tre giorni di preparazione e l’alloggio in un albergo a cinque stelle dove sarà possibile accogliere anche i familiari; la "gita" durerà circa due ore e trenta nel corso delle quali gli ospiti della navicella sperimenteranno l’assenza di peso e la velocità del suono, seduti per la prima parte del volo e poi distesi raggiunta la massima altitudine, quando i sedili si reclinano all’indietro per minimizzare l’effetto della forza G sul corpo. La terra si potrà osservare dagli oblò della cabina ad una distanza di 1000 miglia; la massima altitudine dello SpaceShipTwo sarà superiore 7 volte l’altitudine di crociera del Concord, mentre il punto più in alto (Kaman Line) fuori dall’atmosfera, da cui si considera abbia inizio lo spazio, è di 100 Km di altezza.

La Virgin Galactic ha già incassato 50 milioni di dollari per 250 prenotazioni consolidate in 35 Paesi.

Ai primi viaggiatori saranno richiesti esami clinici da effettuarsi nei luoghi di residenza e i risultati trasmessi permetteranno già una prima valutazione; se idonei, i viaggiatori saranno sottoposti alle visite specialistiche dei medici del centro aerospaziale e successivamente sottoposti ai test di forza g e forza centrifuga del centro ricerche e centro di allenamento per astronauti nastar. Il fisico sarà sottoposto ad un’accelerazione pari a tre volte la velocità del suono per almeno 70 secondi in fase di salita al termine del quale, di colpo, proveranno l’assenza totale di peso per 5 minuti e nella fase di rientro di nuovo sottoposti a forza g che arriverà fino a sei volte la velocità del suono.

Mettiamo da parte i soldi e partiamo alla scoperta dello spazio?