Viaggio a Tokyo, perla del Sol Levante

Il suo nome significa letteralmente “origine del sole” e il Giappone è davvero l’Oriente, quello più autentico e riconosciuto: il fulcro geografico e culturale dell’Est, ma anche la seconda potenza economica del mondo, il punto d’incontro tra una tradizione secolare e radicata e una modernità perseguita e accecante.

La sua storia comincia nel X millennio a.C., proseguendo ininterrotta fino ai giorni nostri, tra periodi oscuri e grandi momenti di affermazione ed egemonia, tracciando un profilo in cui indiscussi simboli della cultura nipponica si intrecciano costantemente con le influenze di altri paesi.

 

Ecco allora configurarsi il ritratto di un nazione dove grattacieli all’avanguardia, strutture avveniristiche, macro e micro esempi di raffinatissima tecnologia si combinano con l’antica scuola dei Samurai, con la lotta stilizzata e ancora vivissima del Sumo, con le geishe e i loro splendidi kimoni, con la complessa semplicità degli origami, con la delicata bellezza delle bambole in porcellana, con l’affascinante e misurato spettacolo del teatro tradizionale, che spazia dal bunraku alla danza, dal kabuki al no, fino al rakugo.

Non esiste nessun paese orientale che si affacci con altrettanta prepotenza verso l’Occidente.

Il Giappone ci inonda con le suo invenzioni tecnologiche, con l’inesauribile ricchezza della sua cultura grafica (dai fumetti manga ai cartoni animati anime), con il crescente successo della sua gastronomia, in cui il sushi troneggia, con la varietà della sua industria del giocattolo, per grandi e per bambini, che va dalla robotica ai videogiochi.

 

Entrare nel punto di origine di questa megaproduzione, significa volare ad ali spiegate (mancandoci per natura la dotazione, quelle di un aereo saranno perfette!) verso la capitale, la metropoli tra le metropoli, dove quasi tutto è contemporaneità; Tokyo è una città del tutto atipica, lontanissima dai nostri modelli, priva di un centro intorno al quale svilupparsi. Il suo tessuto urbano non è che uno sterminato dipanarsi di quartieri, il cui nucleo principale è dato dalle stazioni ferroviarie. Sono queste ultime a disegnare la fisionomia cittadina e a rappresentare il cardine dell’orientamento di un luogo da cui sono banditi persino i numeri civici.

E nel dominare di luci e spazi, architetture futuristiche e frenesia, insegne a ideogrammi e linguaggi profondamente distanti, perdersi sarà quasi inevitabile: ma è qui che sta spesso la magia del viaggio, in ciò che c’è ma non ti aspetti di trovare.

Potremmo così entrare negli splendidi giardini del palazzo imperiale (l’unica parte visitabile, peraltro gratuitamente, perché il palazzo è dimora dell’imperatore e della sua famiglia), nelle sacrali atmosfere di uno dei templi delle due religioni dominanti, quella buddista e quella shintoista, oppure essere catapultati in uno dei tantissimi eventi che accendono durante tutto l’anno la “Capitale del Sol Levante”.

 

Raggiungere Tokyo non è mai stato più semplice ed economico se pensiamo a quanto, negli anni passati, pensare di trascorrere un periodo di vacanza in Giappone fosse sinonimo di ricchezza: adesso è invece possibile prenotare un volo ed un hotel a Tokyo senza spendere cifre folli e concedendosi il meglio.

Expedia, per esempio, propone una serie di combinazioni volo+hotel a Tokyo decisamente attraenti prenotabili anche a meno di 1000 euro per persona a questo indirizzo e si tratta di soluzioni tra le migliori in circolazione.

Infine un consiglio: munitevi di una guida di Tokyo in italiano per evitare di perdervi e smarrire la retta via!