0 Shares 8 Views
00:00:00
11 Dec

Voli per gli Usa, aumentano i controlli

4 gennaio 2010
8 Views

I passeggeri di voli aerei diretti negli Stati Uniti e provenienti da Nigeria, Yemen, Pakistan, Afghanistan, Arabia Saudita e altri nove paesi saranno sottoposti a più stretti controlli e perquisiti prima di salire a bordo.

Le procedure seguono il fallito attentato di Natale su un volo tra Amsterdam e Detroit attribuito a un nigeriano che secondo le autorità statunitensi sarebbe stato addestrato da al Qaeda in Yemen.

I passeggeri in partenza o che passano attraverso paesi classificati come "stati legati in qualche modo al terrorismo" come Cuba, Iran, Sudan e Siria ma anche Afghanistan, Algeria, Iraq, Libano, Libia, Nigeria, Pakistan, Arabia Saudita, Somalia e Yemen saranno dunque sottoposti a controlli più importanti.

I passeggeri in questione verranno perquisiti insieme ai loro bagagli e potranno essere costretti a passare attraverso scanner o sottoposti a controlli anti-esplosivi.

Inoltre tutti i passeggeri su voli diretti in Usa potranno essere soggetti a perquisizioni casuali.

Alitalia ha intanto fatto sapere ai passeggeri in partenza per gli Stati Uniti di presentarsi ai banchi di accettazione almeno 3 ore prima l’orario previsto del volo proprio a causa delle misure di sicurezza applicate per i voli in partenza per gli Usa; al momento del check-in verrà offerta ai passeggeri la possibilità di imbarcare il bagaglio a mano senza alcun costo anche nel caso in cui il bagaglio dovesse eccedere la franchigia consentita.

Vi consigliamo anche