0 Shares 13 Views
00:00:00
17 Dec

InFamous Second Son esce il 21 marzo: pronti?

Michela Fiori - 20 marzo 2014
Michela Fiori
20 marzo 2014
13 Views
infamous-second-son

Arriva negli store italiani InFamous: Second Son, l’attesissimo videogioco per Playstation 4 esce il 21 marzo e promette di tenervi incollati alla console.  Sviluppato dalla Sucker Punch Productions e pubblicato da Sony Computer Entertainment, InFamous: Second Son è il primo gioco realizzato esclusivamente per PlayStation 4.

L’attesa dell’uscita di questo titolo è stata talmente alta che i preordini hanno superato di gran lunga quelli registrati per l’amatissimo“The Last of Us” dei Naughty Dog. InFamous: Second Son ha come punti di forza una grande libertà di movimento, tutte le potenzialità del nuovo DualShock 4 sfruttate al meglio e Delsin Rowe: un eroe con tanti superpoteri. Ma basta chiacchiere e vediamo finalmente di che si tratta, e cosa vi aspetta.

Lo scenario in cui si muove il protagonista è Seattle, gli avvenimenti si svolgono sette anni dopo il finale “buono” di Infamous 2. Il protagonista di cui dovete vestire i panni è Delsin Rowe, un ragazzo di 24 anni che ha scoperto di avere il potere di manipolare e trasformarsi in fumo. Delsin vive principalmente la sua vita di notte, vicino a lui troviamo spesso suo fratello Reggie, agente di polizia. La vita di Delsin cambia quando Delsin scopre di avere dei superpoteri ed è costretto a scappare a causa del Dipartimento di Protezione Unificata (DUP), creato per dare la caccia ai “bio-terroristi”.

Come anticipato InFamous: Second Son è un reboot del secondo capitolo della saga InFamous, quello che colpisce più di tutto però è la minuzia nei particolari e la meticolosità delle espressioni e delle sfumature degli ambienti e delle azioni, precisione resa possibile dal motore della PS4 e ricercata dagli sviluppatori dello studio Sucker Punch. “Avevamo degli attori che hanno recitato in motion capture ad un livello da cinema – ha affernato a Wired Brian Fleming – così da poter davvero fare in modo che i personaggi spesso comunicassero senza parlare”.

Loading...

Vi consigliamo anche