0 Shares 10 Views
00:00:00
15 Dec

Wii U in crisi, SuperMario approderà sui dispositivi mobili

LaRedazione
21 gennaio 2014
10 Views
Wii U in crisi, SuperMario approderà sui dispositivi mobili

La console della Nintendo Wii U ha notevolmente disatteso i dati sulle vendite, ora è pronto un nuovo piano che porterà le creature Nintendo direttamente su smartphone e tablet.

I dati per nulla incoraggianti relativi alle vendite della Wii U, la console di ultima generazione della Nintendo, ha costretto la casa giapponese a rivedere al ribasso le stime per il futuro: si prevede, infatti, che saranno venduti appena 2,8 milioni di esemplari per quanto riguarda la console domestica (contro i 9 della stima precedente) e 13,5 milioni di esemplari (anziché 18) relativi alla versione mobile. Il primo ad ammettere la disfatta è il presidente di Nintendo in persona, Satoru Iwata, che per il terzo anno consecutivo dovrà firmare un bilancio in rosso: si parla di un saldo negativo pari a 35 miliardi di yen.

Nintendo è dunque chiamata a compiere un enorme sforzo per uscire da una crisi sempre più preoccupante: nei giorni scorsi, dagli Stati Uniti, è trapelata un’indiscrezione secondo cui SuperMario, uno dei più famosi personaggi legati al mondo Nintendo e protagonista di un videogioco che continua a riscuotere un successo planetario nonostante il passare degli anni, potrebbe compiere il fatidico passaggio sui dispositivi mobili. A confermare l’ipotesi ci ha pensato lo stesso Satoru Iwata, dichiarando che la Nintendo sta lavorando a un nuovo modello di business che prevede, appunto, di mettere i dispositivi mobili in primo piano vista la loro diffusione sempre più capillare. A giudicare dalle parole del capo di Nintendo, quindi, dovrebbe essere solo una questione di tempo prima che SuperMario sbarchi sui telefonini.

Si tratta di una mossa che potrebbe avere delle ripercussioni davvero molto interessanti: portando le proprie creature nel mondo degli smartphone e dei tablet, Nintendo li concede a produttori terzi di hardware per poi sfruttarne i diritti. Per esempio, un videogioco come Zelda farebbe ancora più gola se sbarcasse anche su iPhone e dispositivi dotati di Android oppure Windows Phone: allo stato attuale delle cose, invece, un appassionato di SuperMario è costretto a comprare hardware fabbricato dalla Nintendo, con un esborso di cui farebbe invece volentieri a meno. Date le circostanze e il periodo economico piuttosto delicato, per Nintendo questo scenario rappresenterebbe una bella boccata d’ossigeno.

Fino a oggi, Nintendo ha sempre saputo integrare hardware e software, grazie alle vendite di console e videogiochi sviluppati appositamente per girare esclusivamente su piattaforme realizzate dalla società giapponese.

Ma i tempi cambiano e il mercato delle console non è più così forte come qualche anno, mentre smartphone e tablet stanno diventando un’alternativa sempre più concreta. Ecco perché, molto probabilmente, da qui a breve vedremo SuperMario saltellare sui nostri smartphone e tablet.

Loading...

Vi consigliamo anche