0 Shares 10 Views
00:00:00
12 Dec

Google: nuovo progetto ‘Made in Italy: eccellenze in digitale’

LaRedazione
22 gennaio 2014
10 Views

Google ha lanciato una nuova pagina: google.it/madeinitaly sulla quale è possibile visualizzare una galleria virtuale dei prodotti più famosi italiani con la loro storia e i loro contatti accompagnati da immagini e fotografie.

Il costo del progetto secondo Google è nullo ma l’azienda americana si aspetta di ricevere un importante tornaconto.
Il progetto Made in Italy si occupa di fornire informazioni più curiose relative ai tipici prodotti italiani: il Parmigiano Reggiano, Arte Orafa Crotonese, il pane di Altamura, il cappello di Montappone e la carta di Fabriano.

Sono più di cento le eccellenze in digitale raccolte da Google nella sua mostra virtuale e riguardano prodotti dell’artigianato e prodotti agro alimentari, e sono illustrati grazie al Google Cultural Institute. Il made in Italy è un settore poco diffuso sul web, per questo il vice presidente Google Carlo D’Asaro Biondo ha definito questo nuovo progetto come un’operazione senza pari in altri Paesi: solo il 34 percento delle aziende italiane ha infatti un proprio sito internet e solo il 13 percento di questi ultimi lo utilizza per l’e-commerce.

Per questa ragione la Google, in collaborazione con Unioncamere e con il Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e forestali, ha creato il portale google.it/madeinitaly.
Al momento Google Made in Italy si presenta come una vetrina di prodotti ed il ministro Nunzia De Girolamo ha sfruttato la vetrina della presentazione dell’iniziativa per proporre una piattaforma commerciale del settore agro alimentare in grado di favorire l’acquisto dei prodotti direttamente online.

Uno degli obiettivi del progetto è quello di combattere il mercato del falso e di ripristinare quei fondi sottratti dalla contraffazione stimati in quasi 60 miliardi di euro all’anno. Il progetto è stato finanziato da Google a costo zero in quanto l’obiettivo dell’azienda americana è quello di migliorare la solidità dei servizi offerti in Italia e di costruire una rete di clienti in grado di sfruttare i servizi offerti.

Uno dei problemi riscontrati da Google è però il ritardo dell’Italia nella diffusione di internet a banda larga, ma il ministro De Girolamo si è impegnato a dare il via ai lavori di ammodernamento per le zone rurali.

Il progetto Made in Italy è ancora in una fase embrionale ma le premesse per la creazione di una piattaforma utile e funzionale ci sono tutte.

Vi consigliamo anche