0 Shares 6 Views
00:00:00
11 Dec

Google TV cambia nome, si chiamerà Android TV

LaRedazione
11 ottobre 2013
6 Views
Google TV cambia nome, si chiamerà Android TV

In un mondo in continua e costante evoluzione come quello della tecnologia, il settore delle cosiddette smart tv, le televisioni su internet promosse e realizzate direttamente dai principali colossi mondiali, sembra sempre sul punto di decollare, ma fatica ad arrivare al suo boom definitivo. Apple ci prova da diverso tempo con Apple TV, ma anche altre principali aziende concorrenti a quella di Cupertino stanno provando a correggere il tiro, per provare a ricavare il massimo profitto ed alimentare la diffusione anche di questo comparto tecnologico.

In questi giorni attraverserà una fase di restauro Google TV, con l’azienda di Mountain View che ha deciso di cambiare nome alla sua piattaforma, che prenderà quello del sistema operativo per dispositivi mobili che negli ultimi anni per Google ha rappresentato uno dei maggiori successi, ovvero Android. Al momento in merito in realtà da Mountain View non sono arrivate ancora conferme ufficiali, visto che come detto Google TV non ha risposto alle aspettative, e dunque l’azienda vuole andarci coi piedi di piombo riguardo ogni possibile modifica, per evitare di esporre ulteriormente ed aumentare le difficoltà di un settore che come detto sta vivendo momenti piuttosto complicati.

Tuttavia, sfruttare al massimo quelle che sono le potenzialità delle piattaforme mobili, potrebbe essere l’arma segreta per Big G per riuscire finalmente ad imprimere una svolta per l’internet TV. Per questo il brand della televisione di Google potrebbe essere abbracciato da Android, con lo sviluppo contemporaneo di una serie di applicazioni che porterebbe alla fruizione del prodotto anche supporti come smartphone e tablet, che negli ultimi due anni sono riusciti a rappresentare senza ombra di dubbio la frontiera maggiormente redditizia per le principali aziende tecnologiche.

Ad agevolare questo processo dovrebbe poi pensare il lancio di Chromecast, dispositivo per la condivisione di contenuti dalla televisione ai device mobili, non solo smartphone e tablet ma anche computer portatili. L’operazione permetterebbe anche di rilasciare aggiornamenti più costanti per il supporto: basti pensare che Google TV è ferma alla versione 3.2 di Anroid, la Honeycomb, mentre il sistema operativo è già arrivato alla versione Jelly Bean 4.3.

Insomma, parecchie idee bollono in pentola, anche se per conferme ufficiali bisognerà attendere i prossimi eventi organizzati da Google, che con ogni probabilità illustreranno quelle che sono le strategie dell’azienda di Mountain View in questo tipo di comparto, nel quale comunque anche i principali competitors sembrano avere ancora le idee piuttosto confuse.

L’appuntamento buono potrebbe essere rappresentato dal lancio del nuovo Nexus, occasione in cui in molti si aspettano di sapere qualcosa in più riguarda ad Android Tv.

Vi consigliamo anche