0 Shares 24 Views
00:00:00
17 Dec

IAB Forum 2013: pubblicità web? Il futuro è nel mobile

Michela Fiori - 3 dicembre 2013
Michela Fiori
3 dicembre 2013
24 Views

Mentre i media tradizionali, soprattutto i giornali, faticano sempre più a rimanere sul mercato anche a causa di una flessione degli investimenti pubblicitari c’è un settore che sotto questo punto di vista sembra godere di buona salute: il web. Le visioni di un futuro tutto in crescita vengo fuori dallo IAB Forum, meeting nazionale degli operatori internet che si tiene a Milano fino al 4 dicembre.

Per gli operatori di settore gli investimenti nella pubblicità sul Web continueranno a crescere nel prossimo anno dell’8,5%.  Nel 2013 le aziende italiane hanno investito su Internet 1,53 miliardi di euro facendo registrare al comparto un incremento del +7,7% sul 2012. Un dato importante considerato il momento di crisi dei media tradizionali ma comunque esiguo se si calcola che gli utenti al mese nel Web sono 27,7 milioni e 13,7 milioni nel giorno medio (dati Audiweb).

Se confrontate con gli investimenti nel resto del mondo poi queste cifre mostrano una potenzialità ancora non del tutto sfruttata.  Secondo i dati diffusi da GroupM nel 2013 negli Stati Uniti sono stati investiti 99 miliardi nella pubblicità sul Web, 30,6 nella regione Asia Pacific, 38,3 nei Paesi dell’Eurozona e 24,1 in quelli dell’Est Europa per un totale di 113 miliardi di dollari. Una cifra enorme che dà il polso delle opportunità che il Web offre.

Per gli operatori il settore sul quale bisognerà puntare maggiormente è il mobile. Nei prossimi due anni si calcola che i dispositivi mobili in Italia raggiungeranno quota 50 milioni: una vera  e propria miniera di opportunità per il digital advertising. Gli italiani del resto sembrano quelli più inclini a connettersi alla rete da smartphone e tablet. La percentuale delle connessioni da device mobili in Italia è del 41% contro un 37% registrato in Europa.

La partita dunque sembra tutta da giocare.

[foto: forbes]

Loading...

Vi consigliamo anche