Astinenza da Internet: è la Discomgoogolation

Aumenta sempre più la dipendenza dei britannici da Internet e c’è qualcuno che, come al solito, si diverte ad inventare nomi bizzarri da attribuire alle varie forme di ossessione.

L’ultimo è Discomgoogolation che significa, tradotto "quasi" letteralmente, "stress da dipendenza da Google": ovvero quel malessere che sembra affliggere ben il 44% degli inglesi che, quando non possono accedere ad Internet, manifestano disturbi davvero strambi.

Il 27% di loro, inoltre, dichiara di stressarsi più quando è senza Internet che quando può stare collegato 24 ore su 24 anche per lavoro.

La parola è stata coniata dallo psicologo britannico David Lewis che ha svolto una ricerca basata sulla misurazione dei battiti del cuore e dell’attività cerebrale su chi non poteva navigare su Internet arrivando a concludere che "una galassia di informazioni è raggiungibile solo con un clic con il mouse e così siamo diventati dipendenti dal web per cui quando non possiamo accedervi, arriva la discomgoogolation".

Lo psicologo ha infatti misurato il livello di stress su oltre 2.000 persone, seguendo il ritmo cardiaco e l’attività cerebrale e dichiarando che "è stato sorprendente vedere come aumentavano la pressione del sangue e l’attività del cervello dei partecipanti non appena venivano scollegati da internet e non riuscivano a ricollegarsi".

La ricerca ha rilevato anche che il 76% degli inglesi non è in grado di vivere senza Internet, che oltre la metà usa Internet in media da una a quattro ore al giorno e che il 19% degli intervistati investe più tempo libero online che con la propria famiglia nell’arco della settimana.