0 Shares 10 Views
00:00:00
15 Dec

Carta di credito prepagata sempre più usata su Internet

21 luglio 2010
10 Views

La carta prepagata sta sempre più diventando il mezzo di pagamento preferito da chi acquista i viaggi online: lo sostiene la ricerca Traveller e-shopper  condotta da Visa Europe.

Gli internauti italiani la ritengono, infatti, il miglior strumento di pagamento perchè è comoda (72,2%) e sicura (61,7%) e consente di acquistare online permettendo un controllo totale dei prezzi (81,9%) e un risparmio in termini di costi (73,9%) e tempo (68,7%).

I viaggiatori internauti usano la carta prepagata perchè percepiscono questo tipo di strumento come il miglior strumento di pagamento per le loro necessità per la comodità del servizio e la sicurezza (rispettivamente 72,2% e 61,7% degli intervistati) seguiti dalla fiducia nel marchio del circuito (26,7%) e dall’ampia accettazione (26,1%).

I biglietti aerei (80,2%) sono tra gli acquisti più praticati dagli internauti italiani seguiti dalla sistemazione alberghiera (65,9%) e dall’acquisto di interi pacchetti di viaggio (36,5%). Gli italiani si dimostrano inoltre attenti a ogni dettaglio e preferiscono pianificare e organizzare online acquistando in anticipo la propria sistemazione in albergo (65,9%), le visite ai musei e altri siti culturali o di entertainment (36,6%) ma anche le escursioni (21,2%).

Prima di pianificare un viaggio, il 72% degli intervistati si informa su portali di viaggio, prediligendo operatori già da tempo sul mercato anche se sono le comunità di viaggiatori (50,5%), i blog tematici (35,6%), i forum dedicati (32,7%) e i maggiori social network (17,7%) ad influenzare maggiormente i viaggiatori del Bel Paese.

La ricerca ha evidenziato che, probabilmente a causa della crisi, le destinazioni di viaggio maggiormente cliccate sono a breve-medio raggio. L’86,3% degli internauti acquista viaggi in Italia, mentre il 70,6% in Europa. Tra le mete intercontinentali predomina il Nord America (9,8%) seguito dai paesi africani (8,2%). Le altre destinazioni non raggiungono il 7% del campione.

Loading...

Vi consigliamo anche