eBay e gli acquisti su internet: una rapida guida e qualche trucco

Non tutti sanno come utilizzare al meglio eBay. Con la nostra rapida guida, scoprirete tutte le informazioni necessarie per non incappare in truffe o oggetti di seconda mano

Con un valore azionario che non conosce mai il passivo, eBay è il marketplace o e-commerce più famoso al mondo. Creato nel lontano 1995 e arrivato in Italia nel 2001, eBay è il sito d’aste più conosciuto in Italia sul quale si può trovare qualunque cosa, dal raro oggetto di antiquariato all’apparecchio elettronico più moderno, passando per autoveicoli, immobili e, non è assurdo, anche dei Premi Pulitzer!

In molti, soprattutto all’inizio, non credevano alla bontà dei prezzi che si potevano trovare su eBay e qualcuno aveva anche ragione. Specialmente all’inizio, complice del fatto che la regolamentazione del sito era ben diversa, era difficile cadere in qualche asta “ritoccata a pennello” e sulla quale, una volta ricevuto l’oggetto non conforme a ciò che si era comprato, non era possibile più fare nulla.

Col tempo e con la partnership di Paypal, eBay ha saputo regolamentare al meglio le transazioni presenti sul proprio sito, raggiungendo l’eccellenza e la più totale sicurezza. Per tutti quelli che hanno ancora qualche dubbio in merito se comprare o meno quel videogioco trovato alla metà del prezzo, fugate ogni dubbio: con la nostra guida è tempo di fare folli acquisti su Ebay!

Per cominciare. Per utilizzare eBay è obbligatorio iscriversi al sito possibilmente con dei dati reali. Lasciate perdere fake identity e roba varia, perché in caso di controversia o di rimborso, specialmente con PayPal, serviranno i vostri veri dati anagrafici. Altro consiglio, prima di iniziare, è quello di crearsi un conto PayPal personale.

Paypal è un sito (sicuro al 100%) di transazioni online che lavora in tandem con le vostre carte, di credito o prepagate, e che non comporta costi aggiuntivi nel caso in cui compriate su internet. Gli unici costi che PayPal vi chiederà saranno quelli in cui decidete di mettere voi stessi in vendita qualcosa, ma di questo ne parleremo più tardi. Avere un account PayPal inoltre, soprattutto se collegato ad un carta prepagata e dunque non “replicabile” in caso di clonazione, permette di monitorare qualunque movimento prima che esso avvenga. Ogni volta che una transazione verrà efettuata su quella carta, se essa è collegata a PayPal riceverete una mail di conferma. Insomma, PayPal è il metodo più efficace, sicuro e veloce per effettuare acquisti su internet in tutta sicurezza. E può essere utilizzato anche al di fuori di eBay.

Per comprare. I consigli per comprare su eBay sono pochi ma semplici:

  • Controllare sempre il venditore da cui si acquista (cliccando in alto a destra, sul suo nome, ci apparirà uno storico delle sue attività e , soprattutto, la percentuale di transazioni portate a termine. Non scegliete mai venditori che hanno una percentuale più bassa del 95%)
  • Controllare SEMPRE la descrizione dell’oggetto. Spesso, eventuali difetti dell’oggetto in questione non compaiono sullo stato dell’oggetto stesso (Nuovo- d’occasione – usato) ma vengono specificificati nella descrizione dell’oggetto. Ciò è obbligatorio da parte del venditore e dunque, qualora ci fossero eventuali difetti, è costretto a segnalarlo. E’ il caso della mia esperienza personale. Comprai qualche tempo fa una vecchia console NES in cui nella descrizione non compariva nulla di strano. Una volta arrivata essa presentava evidenti segni di decolorazione (non visibili in foto) ed entrambi i joypad, venduti come integri, erano rotti e rappezzati con lo scotch. Repentino da parte mia la contestazione e nell’arco di 15 giorni ho ricevuto il rimborso da parte del venditore.
  • Controllare da quale luogo viene spedito l’oggetto. Il sito di eBay di default inserisce nei campi di ricerca (per esempio se cerchiamao Call of Duty: Ghosts) tutti quegli articoli che potrebbero essere acquistati da noi che li visualizziamo. Poco importa se l’oggetto si trova in Giappone e ci compare nella nostra ricerca perché il venditore offre comunque la spedizione internazionale. Per evitare di incappare in costi di spedizione troppo cari (è bene sempre controllare a quanto ammontino le spese di viaggio) si può ridurre la ricerca selezionando nel campo a destra degli oggetti “Luogo in cui si trova l’oggetto – in Italia”. Così, soprattutto per i meno esperti, eviterete di comprare articoli non conformi alle vostre console (per esempio se hanno un formato diverso) o oggetti elettronici con prese elettriche speciali (tipo quelle inglesi o americane).
  • Cercate sempre venditori con affidabilità top. Sotto la descrizione dell’oggetto, spesso compare la scritta Affidabilità Top accompagnata con il disegnino di una piccola medaglia. Quelli sono i venditori professionisti di eBay, che hanno sul sito il loro proprio negozio e con i quali è possibile risolvere qualunque problema direttamente con essi. Che sia il colore o la taglia specifica di una scarpa, un’edizione di un gioco piuttosto che un’altra, basterà mandare direttamente una mail al venditore e aspettare la risposta. Alcuni negozi sono talmente tanto grandi che hanno addirittura un’ Assistenza Clienti dedicata.
  • Comprare da venditori esteri è possibile ma richiedere SEMPRE un preventivo delle spese di spedizione prima di effettuare un acquisto. Spesso e volentieri, infatti, i costi di spedizione cambiano di molto a secondo del paese in cui viene inviato il prodotto. Vi faccio un esempio: qualche giorno fa ho comprato un paio di scarpe dal Regno Unito. Al momento mi trovo in Francia e me lo sono fatte spedire a Parigi pagando 6 euro. Se le avessi fatte spedire a Roma, mia città natale dove sono domiciliato, avrei speso 18 euro. Chiedete sempre prima di acquistare.
  • Asta, Compra Subito e Proposta d’Acquisto. eBay propone tre differenti modalità per acquistare gli oggetti online: l’asta normale, il Compra Subito e la Proposta d’Acquisto. La prima è quella classica ed è quella a scadenza di tempo. Alla scadenza del tempo prefissato (dai 3 ai 30 giorni) il miglior offerente si aggiudicherà l’oggetto. Un consiglio: non aspettate, come molti fanno, di puntare all’ultimo secondo per quel determinato oggetto. Il motivo è semplice: un venditore può decidere (pagando un’ammenda) di ritirare l’asta prima della scadenza del tempo se essa non ha raggiunto un prezzo soddisfacente o se nessun astante ha puntato fino a quel momento. Capite quanto volete spenderci e puntate quando avete trovato l’oggetto che cercate. Sarete sempre in tempo per ritoccare verso l’alto il prezzo che volete spendere. Il Compra Subito, invece, è molto più diretto. Il venditore fa il suo prezzo e il prezzo rimane fisso finché non arriva qualcuno ad acquistarlo. Alcuni oggetti vengono venduti a lotti ed il Compra Subito, normalmente, è un pezzo singolo di quel lotto. Altrimenti, caso più comune, il Compra Subito è per pezzi unici quindi valutate bene l’acquisto e se volete effettuarlo fatelo subito: non è detto che quello stesso oggetto sia ancora lì, magari la sera, quando tornate a casa! L’ultimo, ed la più divertente tra le modalità d’acquisto, è la Proposta d’Acquisto. Spesso, sotto al prezzo Compra Subito di un oggetto troverete in piccola e in corsivo oppure fai una proposta d’acquisto. In questo caso potrete “rilanciare” al prezzo che ha fatto il venditore, magari abbassandolo di un 30%-20%. Se l’oggetto è lì da molto e il venditore ha voglia di sbarazzarsene, non tarderà ad accettare la vostra proposta. Un paio di consigli utili per voi. Il primo, il venditore ha sempre 3 giorni per rispondere affermativamente o negativamente alla vostra proposta , dunque scegliete bene le tempistiche anche considerando la scadenza dell’asta poiché non potrete fare che una proposta d’acquisto per volta! La seconda, cercate di non tirare troppo la corda e di non proporre offerte assurde. Ad esempio, se un oggetto si trova a 40 euro evitate di offrirne 10 poiché il venditore sicuramente rifiuterà. Magari offritene 28 e aspettate che lui risponda alla vostra proposta. Egli potrà inviarvi una contro-proposta in cui farà di nuovo il prezzo. Così facendo potrete venirvi incontro sul prezzo in maniera rapida e indolore.
  • Non esitate, in caso di dubbi, ad inviare una mail al venditore. Cliccando sul nome del venditore che vende quello specifico oggetto, infatti, si aprirà un box delle “domande da poter fare al venditore”. Se lette le varie opzioni non trovate ristoro alla vostra sete di conoscenza, potrete sempre inviare una mail direttamente a lui stesso cercando di esplicargli al meglio i vostri dubbi. Se il venditore è serio e ciò che vende di qualità, non tarderà troppo a rispondervi. Se invece vi risponderà in maniera superficiale o non vi risponderà proprio, lasciate perdere: non è qualcuno di affidabile e io di certo non gli affiderei mai il mio denaro.
  • Nel caso non siate soddisfatti dell’oggetto da voi acquistato la procedura è molto semplice. Per prima cosa non vi alterate. Consiglio scemo ma pur sempre valido. La seconda cosa è quella di contattare direttamente il venditore spiegandogli il problema che avete avuto con l’ordine. Quasi tutti i venditori professionali offrono il reso in tempi brevi, quindi perché non approfittarne? Come ultima spiaggia, la più drammatica, contattare l’assistenza eBay e, se avete utilizzato PayPal, quella di PayPal. Inviando una dettagliata descrizione del prodotto e qualche foto a testimoniare la non conformità del prodotto, sarà quasi certo il rimborso in tempi relativamente brevi, dai 15 ai 30 giorni. L’importante è, e non smetto di ripeterlo, di aver utilizzato PayPal o pagamenti rintracciabili, come bonifici e vaglia postali. Evitate in qualsiasi modo le ricariche PostePay poiché esse non sono rintracciabili e in caso di controversia NON SONO PRESE IN CONSIDERAZIONE DAL SERVIZIO EBAY.

Spero di essere stato il più utile possibile nel descrivere i passaggi che fanno più paura a chi si avvicina al mondo di eBay. Seguendo questi rapidi consigli, infatti, non si incapperà mai in truffe o raggiri da parte dei venditori. Se questa guida vi è piaciuta, rimanete in contatto da queste parti perché presto arriverà la guida, sempre per eBay, per vendere e per utilizzare al meglio Paypal e, perché no, anche ad altri siti altrettanto importanti come Amazon!