0 Shares 7 Views
00:00:00
11 Dec

Google Dashboard, privacy salvaguardata?

La Redazione
5 novembre 2009
7 Views

Volete sapere che fine fanno i vostri dati personali, quali sono quelli che Google accumula e cosa sa di voi?

Da oggi potete farlo utilizzando la Dashboard, l’ennesima funzionalità di Mountain View che svela i dati raccolti su ogni utente e permette di limitare la sua memoria relativa alle attività da questo svolte con i servizi di Google.

Dashboard non è altro che  un pannello di controllo che mostra ciò che viene archviato da Google ogni volta che un’utente accede ai suoi servizi attraverso un account.

Interessante notare come spulciando tra Dashboard ci si rende subito conto che Google ha archiviato davvero tutto quello che un utente ha cercato in Rete: video, immagini, news, indirizzi su Google Maps.

Oltre a questo si scopre che sono state registrate le chat e i messaggi di posta di Gmail così come i contatti, i documenti e le attività su YouTube.

"Siamo convinti che la Dashboard rappresenti un importante passo avanti nella direzione di offrire agli utenti la possibilità di gestire in maniera chiara e trasparente i propri dati e ci auguriamo che questo possa aiutare a cambiare l’atteggiamento del settore in merito a questi temi", ha affermato in una dichiarazione Alma Whitten, Software Engineer on Privacy and Security.

Cambiando le proprie impostazioni relative alla privacy su Dashboard si può bloccare l’attività di spionaggio da parte di Google ma un dubbio resta: siccome Dashboard si utilizza previa registrazione, come tutti i servizi Google, quanto ci possiamo davvero fidare?

Possiamo pensare che potendo l’utente modificare le proprie impostazioni la privacy è salva ma siamo davvero convinti di poterci considerare al sicuro?

Vi consigliamo anche