0 Shares 12 Views
00:00:00
13 Dec

Google vuole vendere libri

3 giugno 2009
12 Views

Google ha deciso di lanciarsi in quello che potrebbe essere il business del futuro: l’e-book, appoggiandosi all’esistente Google Books attraverso il quale sono stati scannerizzati più di sette milioni di volumi di diverse biblioteche universitarie.

Google ha infatti proposto agli editori un programma per vendere direttamente su Internet le versioni digitali dei propri libri garantendo al motore di ricerca introiti grazie ai banner pubblicitari e alle operazioni di intermediazione.

Google è disposta ad autorizzare gli editori a fissare i loro prezzi e potrà intervenire solo nel caso in cui i prezzi fossero assurdi e insostenibili.

Lo scopo è chiaro: mettere sotto pressione Amazon e soprattutto ritagliarsi una quota di mercato in un settore in continua espansione e farlo abbassando i prezzi e rendendo il servizio accessibile a tutti.

Una delle caratteristiche del servizio, infatti, è che i libri digitali saranno disponibili per qualunque cellulare dotato di connessione Internet e non solo fruibili tramite lettori appositi come Kindle.

Per ora l’idea è stata solo accennata anche se il progetto prenderà ufficialmente il via entro il 2009 aprendo il mercato ad altre soluzioni che potrebbero anche livellare i prezzi per via di una competizione sempre più marcata.

Infatti sono proprio di queste ore le notizia che Amazon venderà il Kindle Dx dal 10 giungo e che E-ink, che ha sviluppato le tecnologie per Kindle, è stata acquistata dalla taiwanese Prime view per 215 milioni di dollari e si appresta a creare nuovi prodotti per la lettura di e-books.

Il mercato freme e Google ne approfitta…

Vi consigliamo anche