Imprese Ue sempre più online

Secondo l’ultima rilevazione Eurostat, nel 2007 il 65% delle imprese dell’Ue aveva un sito web; nello specifico ha un sito Internet il 92% delle grandi imprese (oltre i 250 dipendenti), l’82% delle medie (da 50 a 249 dipendenti) e il 61% delle piccole.

In testa alla classifica le aziende di Svezia, Danimarca e Finlandia, tutte sopra l’80%, in fondo Romania (24% nel 2006), Bulgaria (31%) e Lettonia (39%); in Italia le aziende online sono il 57%.

Secondo la ricerca i Paesi con le aziende più familiari con Internet sono la Finlandia (99%) , la Slovacchia (98%) e poi Belgio, Danimarca e Austria (97%).

Solo sei paesi sono sotto il 90%: Romania (58%, nel 2006) Bulgaria (75%), Lettonia e Ungheria (86%), Cipro (88%) e Lituania (89%).

L’Italia è perfettamente in media, con il 94% delle aziende connesse al Web.

La Finlandia è anche in testa per l’uso della banda larga (91%), davanti a Spagna, Malta, Svezia; in fondo alla classifica Romania seguita da Lituania, Polonia, Lettonia e Grecia. In Italia il 76% delle imprese usa la banda larga.

Nel 2006 quasi la metà delle aziende dell’Unione (44%) si è rivolta all’esterno per realizzare le funzioni di Ict e in questo settore l’Italia è sotto la media, con il 25%.

A gennaio 2007, il 96,4% delle imprese italiane informatizzate con almeno 10 addetti utilizza la posta elettronica, il 97,6% dispone di Internet, il 59% possiede un proprio sito web, il 32,4% utilizza una Intranet, e, in generale, il 61,7% si avvale di reti locali (Lan) per connettere i propri computer.