0 Shares 9 Views 1 Comments
00:00:00
17 Dec

Italia-Programmi.net, cosa fare per evitare la truffa del 2012

dgmag - 4 aprile 2012
4 aprile 2012
9 Views 1

Continuano gli oscuramenti di siti per lo sharing online e dopo la famosa vicenda di Megavideo e di tutta un'altra serie di piattaforme italiane, arriva la notizia che il sito Italia-Programmi.net è stato oscurato dalla Procura di Milano.

In realtà il sito non è chiuso ma sono stati deviati i DNS per cui gli utenti italiani non possono vedere il sito mentre chi arriva dall'estero può farlo tranquillamente e può anche scaricare materiale.

In questo caso non si tratta di un oscuramento preventivo ma si basa sulle modalità di accesso al servizio per cui l'utente invogliato a scaricare materiale è invece stato indotto a pagare più di 90 euro per poter usufruire del sito; la stessa cifra è stata richiesta in maniera random anche ad utenti non registrati al sito come è capitato al Presidente della Repubblica che si è visto recapitare a casa una lettera che intimava il pagamento della quota.

Di fatto da mesi gli utenti registrati al sito stavano ricevendo lettere in cui li si invitava a pagare la cifra concordata e molti, pur di evitare problemi e guai, hanno pagato dando di fatto ragione a quanti, oggi, sono certi fosse tutta una truffa.

E per ora non esiste un nome concreto associato alla truffa se non quello di tale Sandor Dezso Fekete, un ungherese contro cui però parrebbe non gravare alcuna denuncia che invece è stata fatta contro ignoti.

Quello che succederà adesso è chiaro come sempre capita in caso di truffe: siccome nonostante il "blocco" le richieste di pagamento sono comunque partite ci sarà chi continuerà a pagare e chi invece lascerà stare. Il consiglio è di non pagare nulla per il semplice fatto che si tratta di una richiesta falsa e ingiustificata mentre per chi ha già versato i quasi 100 euro non c'è altro da fare se non aspettare che ilsito venga effettivamente chiuso e i responsabili individuati e portati in carcere.

A quel punto sarà avviato un processo nel corso del quale si dovrebbe accertare la responsabilità di chi ha messo in piedi tutto il sistema: con le tempistiche italiane e la non facile reperibilità degli autori della truffa viene da pensare che il tutto sarà molto molto lungo e che alla fine della fiera nessuno rivedrà più i suoi soldi.

Maggiori informazioni sul sito di Aduc dove si trovano le domande e le risposte di chi ha ricvuto l'avviso di pagamento da parte di Italia-Programmi.net.

Loading...

Vi consigliamo anche