0 Shares 10 Views
00:00:00
16 Dec

L’accordo tra Google e Verizon sulla net neutrality fa discutere, ecco perchè

La Redazione - 10 agosto 2010
La Redazione
10 agosto 2010
10 Views

E’ stato reso noto l’accordo di collaborazione tra Google e Verizon che, in barba a quanto si credeva, fa discutere e fa paura un po’ a tutti.

Il documento nasce a sostegno della “net neutrality” ovvero l’accesso al Web alle stesse condizioni e alla stessa qualità per tutti gli utilizzatori, contro il piano della Commissione federale Usa delle Comunicazioni che prevede un trattamento preferenziale per alcuni tipi di traffico, cioè una maggiore velocità in rete per specifici contenuti a pagamento.

Nella proposta formulata da Google e Verizon si parla di maggiori investimenti nella banda larga, nessuna discriminazione sui contenuti per quanto riguarda l’accesso alla rete e velocità e maggiore trasparenza.

Ma la net neutrality auspicata dai due colossi si scontra con un altro punto del progetto che prevede la possibilità per gli operatori di rete via cavo di poter offrire oltre alla connessione anche dei servizi aggiuntivi allo scopo di utilizzare contenuti disponibili su Internet per ricevere un trattamento speciale per quanto riguarda il traffico.

In America si grida allo scandalo perchè in questo modo, almeno nelle intenzioni, si potrebbero favorire i più ricchi disposti a spendere per avere servizi aggiuntivi e veloci online a svantaggio di chi non ha possibilità e dunque potrebbe vedersi drasticamente rallentato l’accesso alla Rete.

Il discorso è comunque uno solo: il miglioramento dei servizi di accesso alla Rete da chi sarà pagato? Dall’utente finale quasi sicuramente a meno che le aziende interessate ad una Rete più remunerativa non dismettano l’Internet che conosciamo e ne creino una parallela, destinata a pochi e, come nel mondo reale, selettiva.

Loading...

Vi consigliamo anche