0 Shares 10 Views
00:00:00
17 Dec

L’e-commerce in Italia non decolla

dgmag - 11 novembre 2009
11 novembre 2009
10 Views

Nel 2009 l’ecommerce in Italia resta stabile rispetto al 2008 registrando introiti di poco superiori ai 5,8 miliardi di euro.

Nel 2009 è cresciuto il numero di ordini (+13%), il fatturato è cresciuto di un punto percentuale ma si è ridotto del 10% lo scontrino medio.

Resta basso il numero di consumatori online (circa 8 milioni) rispetto agli utenti Internet.

Questa la fotografia tracciata dall’Osservatorio Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano giunto alla nona edizione, presentata nel corso di un incontro dal titolo eCommerce 2009: segnali positivi, nonostante la crisi organizzato dall’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano.

Si rileva però la forte crescita della vendita online di abbigliamento (+42%), prodotti di editoria, musica ed audiovisivi che registrano un +17% e una riduzione degli acquisti legati al settore turistico (-3%), che comunque rappresenta in totale il 51% del valore dell’ecommerce in Italia, confermandosi il primo settore in assoluto.

Il calo del comparto turistico è stato legato dai ricercatori alla chiusura di alcuni siti importanti (Todomondo, MyAir) e delle filiali italiane di importanti players come Expedia e Venere; a proposito di Todomondo e MyAir, i ricercatori attribuiscono a questi due fallimenti, oltre che all’integrazione di AirOne e Volareweb in Alitalia, la perdita di oltre 200 milioni di euro di fatturato per l’ecommerce italiano nel 2009.

Prevale in Italia la vendita di servizi (66%) rispetto alla vendita di prodotti (34%), molto diversamente rispetto a quanto avviene nel resto del Mondo.

Loading...

Vi consigliamo anche