0 Shares 9 Views
00:00:00
15 Dec

L’e-commerce in Italia sfida la crisi

15 maggio 2009
9 Views

In Italia nel 2008 il commercio elettronico al dettaglio ha chiuso con un +18% ed un fatturato pari a 5,9 miliardi di euro mentre nel 2009 dovrebbe restare stazionario.

E’ quanto fa sapere una ricerca presentata nell’ambito dell’eCommerce forum organizzato da Netcomm, consorzio del commercio elettronico italiano secondo cui a trainare il trend positivo dell’e-commerce è l’abbigliamento, che nel 2008 ha fatto segnare un rotondo +50% rispetto all’anno precedente.

In crescita anche la compravendita on line di prodotti legati all’editoria, musica e audiovisivi (+27%), turismo (+21%), assicurazionI (+16%) informatica e elettronica (+14%). In termini percentuali, è il turismo a fare la parte del leone toccando da solo il 55% del totale delle compravendite effettuate online. In aumento anche il numero di e-buyer, saliti nel 2008 a quota 5,3 milioni.

Secondo i dati elaborati da Netcomm, il valore del commercio elettronico italiano rispetto al resto dell’Europa occidentale rappresenta oggi il 3% (5,914 miliardi di euro su un totale di 130 miliardi di euro).

Le stime di Netcomm prospettano un trend destinato a raddoppiare entro la fine 2011 fino a quota 260 miliardi di euro; se infatti il valore di Francia, Germania e Gran Bretagna è del 70%, nei prossimi due anni e mezzo l’Italia crescerà del 30%, contro il 25% della Francia, il 20% della Germania e il 10-15% del Regno Unito.

Loading...

Vi consigliamo anche